I dati

Novara è la provincia piemontese con il più alto numero di tamponi nelle scuole

Percentuale di oltre 90%.

Novara è la provincia piemontese con il più alto numero di tamponi nelle scuole
Attualità Novara, 27 Aprile 2021 ore 07:20

Novara è la provincia del Piemonte ad aver raggiunto (con una percentuale del 46.9) il tasso di partecipazione effettiva (con una percentuale di oltre 90) e il tasso di adesione da parte delle classi II e III della Scuola secondaria di primo grado al progetto di screening Scuola Sicura per il quale il Piemonte è stata la prima regione in Italia ad avviare un monitoraggio del virus all’interno del sistema scolastico.

Il progetto

L’iniziativa piemontese risulta essere attualmente uno dei pochi progetti sul territorio nazionale che promuove attivamente lo screening su base volontaria degli studenti iscritti alle classi II e III delle scuole secondarie di primo grado. Al termine di questa prima fase del progetto, rinnovato fino al prossimo 31 luglio, si può evidenziare come abbiano aderito complessivamente 428 (69%) su 622 plessi scolastici con 78.689 studenti iscritti al II e III anno delle Scuole Secondarie di I grado.

L'osservazione

Durante le 11 settimane di osservazione, tra gennaio e marzo, sono stati effettuati 21.834 test, con l’individuazione di 118 studenti positivi asintomatici che hanno comportato l’applicazione di misure preventive per fermare la diffusione del virus nella classe e tra le famiglie dei soggetti interessati. Da gennaio a marzo, ciascuno studente ha ricevuto un test molecolare o antigenico una volta al mese, con un test per la classe tutte le settimane. Nel corso dei mesi di gennaio e febbraio 2021, una volta raccolte le adesioni a livello scolastico, le Aziende sanitarie locali hanno iniziato le attività di invito degli studenti al test di screening. L’adesione più significativa, differenziata per Distretti sanitari, è stata, come detto, superiore al 90% a Novara e Biella e intorno al 45% ad Asti e Alba. La partecipazione effettiva degli studenti è stata complessivamente del 19% rispetto al totale degli iscritti alle classi II e III delle scuole secondarie di primo grado, con ampia variabilità territoriale andando dal 3,5% di Asti al 46,9% di Novara.