Fondazione Comunità Novarese

"Novarese Diversamente Escursion-abile" Il progetto del Cai

Contributo di 10.000 euro.

"Novarese Diversamente Escursion-abile" Il progetto del Cai
Attualità Novara, 10 Luglio 2021 ore 06:36

“Novarese Diversamente Escursion-abile” – Fondazione Comunità Novarese onlus sostiene il CAI sezioni Monterosa nell’acquisto di tre joelette per il trasporto in montagna di persone con disabilità motorie e nella mappatura dei percorsi accessibili.

"Novarese Diversamente Escursion-abile"

Fondazione Comunità Novarese onlus sostiene il progetto “Novarese Diversamente Escursion-abile” promosso dal CAI sezioni Est Monterosa, con un contributo di 10.000 euro assegnato grazie al Fondo “Ricordando Fabio”, nato in memoria del giovane Fabio Carnemolla.
Fabio Carnemolla amava la montagna ma questa sua enorme passione, il 13 ottobre 2018, lo ha, purtroppo, tradito. Il giovane ventiseienne, originario di Bellinzago Novarese, è, infatti, precipitato durante un’escursione in solitaria, a quota 1600 metri, sulle montagne tra il Piemonte e la Francia, nella zona di Bardonecchia.

Fabio lavorava alla FlavourArt di Oleggio, la “sartoria” di aromi, aromi alimentari e per sigaretta elettronica made in Italy e proprio la sua azienda ha scelto di ricordarlo attraverso la costituzione di un Fondo Erogativo presso FCN.
Il progetto “Novarese Diversamente Escursion-abile” consentirà due attività ben precise:
 la possibilità di individuare, testare e censire percorsi montani accessibili, in provincia di Novara, rendendone disponibile la consultazione in una pubblicazione sia cartacea, sia on line; l’acquisto di tre joelette che consentiranno “uscite” anche a persone con problemi motori.
Da diversi anni, il CAI sostiene attività solidali dedicate a persone con problemi cognitivi, sociali, sensoriali, relazionali e motori: in quest’ultimo caso, risultano fondamentali speciali ausili da “fuoristrada”; le cosiddette joelette.

Nel 2019, la Regione Piemonte ha approvato la Carta Etica della Montagna, sottoscritta dal Gruppo regionale CAI Piemonte. La Carta intende promuovere una cultura che valorizzi l’economia locale legandola ad una frequentazione turistica sostenibile e socialmente inclusiva, nell’ottica di accogliere anche le fasce più fragili della popolazione; altrimenti impossibilitate a raggiungere molti siti montani.