Attualità
Dopo la precedente fallita

Nuova gara per la Città della salute di Novara

Entro 30 giorni sarà rivisionato il capitolato.

Nuova gara per la Città della salute di Novara
Attualità Novara, 05 Ottobre 2021 ore 17:38

Dopo l’esito negativo della gara per la realizzazione della Città della Salute di Novara, l’Azienda ospedaliera ha incaricato un’equipe di professionisti di revisionare e aggiornare entro 30 giorni il computo del capitolato dell’opera per adeguare i prezzi del progetto ai costi attuali. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità in apertura dell’informativa sulla procedura negoziale per l'affidamento della concessione di costruzione e gestione dell’opera svolta questo pomeriggio in quarta Commissione.

Nuova gara per la Città della salute

L’Assessorato, ha aggiunto, invierà la revisione al Ministero per l’approvazione e conta di avere entro due mesi il responso del Nucleo di valutazione per consentire all’azienda ospedaliera di Novara di procedere a una nuova gara.

L’Assessore ha inoltre specificato che il Ministero della Salute si è dichiarato disponibile a concedere una proroga di un anno al finanziamento di 95 milioni di euro destinati all’opera, che la revisione del progetto riguarda solo la parte economica e non quella architettonica della Città della Salute di Novara. Inoltre, i fondi in più necessari a far decollare la realizzazione dell’opera saranno anch’essi prelevati da quelli statali per l’edilizia e all’ammodernamento tecnologico della sanità pubblica.

Il dibattito è stato aperto dal vicepresidente della Commissione (Pd), che ha tra l’altro sottolineato la necessità di dotare la Regione di una struttura di supporto o di una vera e propria struttura appaltante per mettere a disposizione le competenze e consentire un confronto più equilibrato tra le controparti.

Il capogruppo del M5s ha sottolineato che gli stessi problemi di aumento materiali e costi, potranno riproporsi per la Città della salute di Torino.

I consiglieri della Lega hanno offerto la massima collaborazione all’assessore per risolvere la questione e hanno chiesto che venga audito in una prossima seduta della Commissione il Responsabile unico del procedimento per conoscere maggiori dettagli sulla gara andata deserta.