Attualità
Cordoglio

Paruzzaro in lutto per il fondatore del Gruppo sportivo

Il ricordo dell'amico Pier Carlo Manni.

Paruzzaro in lutto per il fondatore del Gruppo sportivo
Attualità Alto Novarese, 15 Giugno 2022 ore 09:48

La comunità di Paruzzaro in lutto per il fondatore del Gruppo sportivo del paese Giovanni Gallio.

Addio a Giovanni Gallio, fondatore del Gruppo sportivo di Paruzzaro

«Era di origine veneta, poi trasferitosi a Casorate Sempione e infine a Paruzzaro: in paese si è comportato come fosse paruzzarese da sempre». Con queste parole Pier Carlo Manni descrive l'amico scomparso Giovanni Gallio, che lascia la moglie Ornella e i figli Domenico e Marinella. Era nato nel 1944 e dedicò molto tempo libero a numerose associazioni del territorio, fondandone anche una che ha caratterizzato negli ultimi decenni la storia del podismo locale: il Gs Paruzzaro. «Con Ornella diede vita alla società - continua Manni - la prima corsa fu organizzata il 1° maggio 1983 per il circuito Gamba d'oro, ce la ricordiamo bene per l'enorme quantità di pioggia che cadde insieme alla bufera. Organizzò anche corse per beneficenza come quando ci fu l'alluvione a Santo Stefano Belbo nel 1994, Cuneo, cui destinò dei fondi. La forza del gruppo gli consentì di raccogliere fondi anche per il restauro di chiese locali. Ci conoscemmo durante una corsa nel 1979 proprio a Paruzzaro: nacque un'amicizia profonda e leale, eravamo una grande famiglia. Uscivamo alla domenica trovando una vera compagnia con il piacere di stare insieme, noi lo chiamavamo "il nostro capo", il faro e punto di riferimento, creò l'Ammazzainverno e la corsa 5 X 5 campanili. Con passione e vero spirito comunitario riversò le sue energie sul territorio e non si contano le occasioni sportive di cui fu responsabile. Era anche al timone del Comitato per San Marcello, con i cui volontari bonificò il sentiero della memoria fra Paruzzaro e Invorio posizionando i cippi relativi ai caduti del tragico eccidio. Partecipò a iniziative della Pro loco tra cui la Scampagnata d'agosto e collaborò con il gruppo Alpini di Borgomanero. È giusto venga segnalata la sua grande voglia di fare, anche il parroco don Marcello Vandoni ha ricordato in chiesa la sua disponibilità unica per gli altri. Aveva il nostro paese nel cuore e sapeva coinvolgere le persone con capacità di decisione e un carattere molto accogliente e gioviale, amando la compagnia».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter