Menu
Cerca
Polemica

Riapre tutto tranne le discoteche: "Cosa vergognosa e intollerabile”

Di fatto possono aprire ma non si può ballare.

Riapre tutto tranne le discoteche: "Cosa vergognosa e intollerabile”
Attualità 08 Giugno 2021 ore 07:08

Riapre tutto tranne le discoteche, ed “è una cosa vergognosa e intollerabile”. Lo sostiene Silb, il sindacato dei locali da ballo, che qualche giorno fa alzava la voce contro la mancata indicazione di una data di riapertura delle discoteche, all’aperto e al chiuso. Ma le voci critiche si accumulano. Quali sono le reali prospettive per l’estate?

Discoteche chiuse, ma ancora per quanto?

Oggi come oggi le discoteche, possono riaprire, ma senza ballo. Di fatto significa che possono fare servizio bar e (quelle organizzate) anche servizio ristorante. “Non possiamo permetterci di approcciare il problema come lo scorso anno – ha detto il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa parlando delle zone bianche – Dobbiamo essere coerenti e seri, le discoteche vanno riaperte per poter andare a ballare e socializzare. Se si aprono le discoteche, non bisogna tener conto di restrizioni sul distanziamento, il criterio dovrà essere quello di monitorare e tracciare chi entra”.

“Abbiamo annunciato un tavolo per riaprire le discoteche, i giovani vogliono andare al mare, vogliono divertirsi, amarsi e baciarsi, e per farlo i con i vaccini si è più sicuri e lo sanno anche loro” ha detto due giorni fa il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Quando avremo un’adeguata percentuale di popolazione vaccinata potremo riaprire anche le discoteche, probabilmente già a fine giugno e a metà luglio togliere le mascherine all’aperto” ha detto il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia.

“Anche le discoteche da luglio devono poter riaprire, con il green pass” fa sapere via twitter Giovanni Toti, presidente della regione Liguria. Annunci, opinioni, nessuna data certa. Il rischio che la stagione sia “persa” è concreto.

Riapre tutto in zona bianca, tranne le discoteche. Le uniche restrizioni confermate anche in zona bianca sono l’obbligo di indossare la mascherina e di rispettare il distanziamento. Per il resto scompare il coprifuoco, si può andare liberamente  (con date già stabilite per giugno-luglio) ai ristoranti, consumare all’interno dei bar, andare al cinema o al teatro, allenarsi nelle palestre e in piscina, via libera anche alle feste per i matrimoni senza limitazioni, parchi divertimento, centri termali e centri commerciali al chiuso. Tutto, tranne le discoteche.