Attualità
E' reato

Ricatto ai ristoranti per false recensioni a “5 stelle”: ecco come funziona

Il reato ipotizzato è la diffamazione, ma se dovesse essere stabilito un legame tra le recensioni negative e i "pacchetti" offerti ai ristoratori, potrebbe perfino trattarsi di tentata estorsione.

Ricatto ai ristoranti per false recensioni a “5 stelle”: ecco come funziona
Attualità 22 Maggio 2022 ore 07:16

Non che sia una novità, sia chiaro, ma da qualche tempo, vista la pandemia e il suo impatto su ristorazione e turismo, il tema era passato in secondo piano. Ora, che all'orizzonte sembra esserci la tanto attesa ripartenza e una fase di crescita economica, è tornato in maniera prepotente. Di cosa stiamo parlando? Della piaga delle recensioni false, siano esse su Tripadvisor, Google o qualsiasi altro portale, raccontata da italiaatavola.net

Come funziona

A raccontare per primo del problema è stato il Secolo XIX. L'ondata di recensioni negative è partita da Genova, per poi allargarsi al Ponente, a Ventimiglia, Sanremo, Arma di Taggia e Imperia. Il modus operandi, sempre lo stesso: recensioni a "1 stella", una raffica, scritte in inglese, spesso con evidenti errori grammaticali. Tutti dettagli che fanno pensare all'azione di bot, attivati proprio con l'obiettivo di abbattere il rating dei ristoranti. In alcuni casi citati da La Stampa, si è passati da punteggi superiori a 4,5 (il massimo è 5) a rating inferiori al 3.

Insomma, una bella mazzatta, soprattutto per chi nella reputazione online ha un importante strumento di promozione, considerando il numero di turisti stranieri che si appresta ad affollare le coste liguri in vista della stagione estiva.

Pacchetti di recensioni positive: che strana coincidenza...

Per carità, potrebbe essere una coincidenza, ma contestualmente alla raffica di recensioni negativa, molti ristoranti liguri hanno ricevuto via mail offerte per "pacchetti" speciali di recensioni a "5 stelle" su Google.

Due le opzioni, la "Top della zona", 5 recensioni a 97 euro, e la "1° in classifica", 10 recensioni a 127 euro. In entrambi i casi, chi avanza la proposta garantisce che a farle siano persone reali, in modo che non vengano poi cancellate da Google o Tripadvisor, e la possibilità di disdire quando si vuole.

Le reazioni dei ristoratori

Molti dei titolari dei ristoranti coinvolti nelle false recensioni hanno deciso di reagire e denunciare, in alcuni casi appoggiati da avvocati, in altri da Confcommercio e Confesercenti e in altri casi rivolgendosi in prima persona alla Polizia Postale. C'è anche chi ne ha approfittato per fare beneficenza: il ristorante Voltalacarta di Genova per ogni recensione inventata donerà 2 euro all'Associazione malattie infantili reumatiche dell'ospedale Gaslini.

Il reato ipotizzato è la diffamazione, ma se dovesse essere stabilito un legame tra le recensioni negative e i "pacchetti" offerti ai ristoratori, potrebbe perfino trattarsi di tentata estorsione.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter