Attualità
Appello

Rifugio Miletta in difficoltà: aperta raccolta fondi

Intanto è arrivata un'importante donazione di Almo Nature.

Rifugio Miletta in difficoltà: aperta raccolta fondi
Attualità Arona, 07 Novembre 2021 ore 06:32

Le donazioni non sono più sufficienti per pagare le spese. Il Rifugio Miletta di Agrate Conturbia (Novara), punto di riferimento importantissimo in Piemonte per il recupero e la cura degli animali selvatici, getta la spugna e dichiara di non poter accettare più animali da fuori provincia, neppure da quelle sprovviste di CRAS. Il rifugio, aperto 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, ha sempre accolto animali selvatici feriti dalla provincia di Novara e dalle province limitrofe occupandosi delle spese veterinarie, del sostentamento e di tutto il necessario per salvare le loro vite, ma oggi questo non è più possibile.

Così il Presidente

Alessandra Motta, presidente del rifugio, dichiara: “È una decisione difficile e sofferta, siamo consci del fatto che molti di quegli animali andranno incontro a morte, anche se potrebbero essere curati. Purtroppo le donazioni non sono più sufficienti per pagare le spese. Attualmente non abbiamo i fondi necessari per operare nel mese di novembre”.

Chiunque volesse aiutare il rifugio può fare una donazione attraverso il sito www.rifugiomiletta.org nella sezione “donazioni”. Tra le possibilità, quella di scegliere una donazione mensile fissa di un importo a scelta.

All'appello del rifugio ha risposto l'azienda Almo Nature, con una generosa donazione finalizzata a coprire nell'immediato le difficoltà di questo periodo. Non sono azioni nuove per l'azienda di petfood, che – già dal 2019 - ha deciso di donare il 100% dei propri profitti (al netto di costi e tasse) alla natura, agli animali, alla salvaguardia della biodiversità e alla lotta al cambiamento climatico tramite una realtà senza scopo di lucro nata appositamente per garantire questo scopo: la Fondazione Capellino. Anche per questo, Almo Nature è la prima azienda al mondo “proprietà dei cani e dei gatti” (owned by animals).

Il modello fondato da Almo Nature si chiama “Reintegration Economy” e prevede che l'interezza dei ricavi di un'azienda sia destinato al servizio del bene comune anziché al vantaggio personale. Durante l'anno verranno presentati progressivamente tutti i progetti che la Fondazione Capellino sostiene grazie ai ricavi dell'azienda di petfood. E' questo il leit motiv della nuova campagna “Riporta la Natura nel Pianeta”.

Sul sito del Rifugio è possibile “conoscere” tutti gli ospiti e anche decidere di adottare a distanza uno degli animali che vive al rifugio.