Appello

Riso: importazioni raddoppiate dall'Asia, Coldiretti Novara Vco chiede la salvaguardia

"Ricordiamo che nelle nostre province si concentra la maggior parte della produzione a livello italiano"

Riso: importazioni raddoppiate dall'Asia, Coldiretti Novara Vco chiede la salvaguardia
Pubblicato:

Coldiretti e Filiera Italia hanno scritto una lettera indirizzata al Ministro degli Affari Esteri, Antonio Tajani, e al Ministro dell’Agricoltura e della Sovranità Alimentare, Francesco Lollobrigida, in vista della discussione al Coreper (Comitato di preparazione dei lavori del Consiglio Ue) sul Sistema di Preferenze Generali (Spg) sotto la presidenza belga.

La richiesta di salvaguardia

Tale provvedimento punta a favorire – spiega Coldiretti - la crescita economica dei Paesi in via di sviluppo incentivando le importazioni a dazio zero.

Con le importazioni di riso dalla Cambogia che sono raddoppiate (+104%) nell’ultima campagna, l’Unione Europea deve introdurre una efficace clausola di salvaguardia per fermare l’invasione di prodotto straniero e tutelare i produttori nazionali dalla concorrenza sleale, nel rispetto del principio di reciprocità.

“Abbiamo chiesto, insieme a Filiera Italia, una modifica dell’articolo 29 della proposta della Comissione Ue, introducendo come richiesto dal Parlamento, l’attivazione automatica di una clausola di salvaguardia se le importazioni da un paese superano una soglia in termini di quantità, per fermare arrivi incontrollati di prodotto straniero senza alcun sistema di difesa – spiega Roberto Guerrini, membro di giunta di Coldiretti Piemonte con delega territoriale al settore risicolo e Presidente di Coldiretti Vercelli-Biella - Basti ricordare che oggi oltre il 60% del riso importato dall’Italia è a dazio agevolato”.

“L’applicazione della clausola di salvaguardia dovrebbe essere accompagnata – evidenziano il Presidente di Coldiretti Novara-Vco Fabio Tofi e il Direttore Luciano Salvadori - dalla previsione del principio di reciprocità volto a tutelare non solo la filiera, ma anche i consumatori da prodotti con standard ambientali e qualitativi ben al di sotto delle produzioni europee e italiane. Ricordiamo che nelle nostre province si concentra la maggior parte della produzione di riso, a livello italiano, con 8 milioni di quintali, circa 1900 per un totale di 117 mila ettari. Grazie al pressing di Coldiretti e Filiera Italia, peraltro, è stato sventato il tentativo della Commissione Ue di aumentare il limite per i residui di triciclazolo nel riso”.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali