rTMS e droghe: un metodo efficace e non farmacologico

L’elettromagnetismo stimola e a resetta alcune aree profonde del cervello risolvendo il problema

rTMS e droghe: un metodo efficace e non farmacologico
Attualità 04 Giugno 2021 ore 07:16

rTMS efficace contro le droghe. La stimolazione magnetica transcranica è infatti un valido aiuto per combattere l'uso e l'abuso di sostanze stupefacenti.

rTMS e droghe: uscire dal tunnel si può

Sono molte più di quanto si creda le persone che soffrono di dipendenza da droghe. Alcune di queste sono devastanti per effetti collaterali, creando problemi personali e familiari. La cocaina è la droga pesante più diffusa del momento. Tutto inizia con la somministrazione occasionale di una sostanza, per passare successivamente all'assunzione abitudinaria. Spinti dalla convinzione errata di poter smettere quando si vuole, dopo poco arriva il momento in cui si crea una vera e propria dipendenza. Uscire dalla dipendenza è difficile, ma non impossibile se si accetta l'idea di farsi aiutare.

Effetti diversi per ogni droga

Ovviamente esistono in commercio diverse tipologie di droghe: dalla dipendenza di Marijuana e hashish, alle sostanze sedative tipo l’eroina, all’Ecstasy o MDMA e ketamina, agli stimolanti tipo cocaina, fino alle anfetamine. Le tre categorie di sostanze più pericolose sono quelle classificate come droghe pesanti. Eroina, cocaina e “pasticche” sintetizzate in laboratorio sono devastanti per l'organismo e per la psiche di chi ne fa uso. Tutte queste droghe creano dipendenza fortissima sia fisica (eroina) sia psichica. Smettere è difficilissimo, se non impossibile senza supporto medico e psicologico. Con il trattamento rTMS la dipendenza può essere sconfitta. Tutto dipende, però, dalla tipologia di droga assunta, dalla durata della dipendenza e dalla costanza nelle sedute.

rTMS combatte la dipendenza da sostanze

 

Uscire dal tunnel della droga si può e oggi il percorso può essere meno faticoso e più breve. Questo è possibile grazie alla nuova terapia rTMS ovvero Stimolazione Magnetica Transcranica ripetitiva. La metodica è ormai considerata opzione non farmacologica e non invasiva efficace anche contro la tossicodipendenza. La dipendenza da sostanze è una vera e propria malattia e non va considerata un comportamento negativo o moralmente riprorevole. Essa è caratterizzata da una relativa progressiva incapacità di controllare il consumo. In particolare è stato riportato come la rTMS riduca il craving, ovvero “il desiderio” per la cocaina in soggetti dipendenti.

Trattamento privo di effetti collaterali

Il trattamento non ha effetti collaterali. I farmaci possono essere evitati e non si avverte dolore. Inoltre il paziente è seguito da un team di psichiatri e tecnici specializzati nella malattia da dipendenza. Quindi rTMS si propone come un valido aiuto nel percorso di recupero.

rTMS e droghe: come farsi aiutare

Alcuni tossicomani per “guarire” scelgono la strada delle comunità di recupero. Altri si affidano agli psicofarmaci e alle terapie psicologiche, magari di gruppo. Altri ancora, purtroppo, si disintossicano forzatamente in carcere. Per chi cerca una soluzione meno radicale, la risposta è la terapia rTMS ossia la stimolazione magnetica transcranica. Nel novarese la terapia rTMS viene eseguita da Brain Stimulation Italia, la cui proposta risponde al nome di stimolazione magnetica transcranica ripetitiva profonda. Si interviene con l’elettromagnetismo, andando a stimolare e a resettare alcune aree profonde del cervello. è disponibile nel Mood Center situato presso la Clinica Prometeo Family Care di Cavaglietto (NO)