Attualità
La posizione

Sindacato infermieri Nursing Up: “Porteremo i vertici delle Asl piemontesi davanti al giudice del lavoro”

Con l’unica eccezione dell’Azienda ospedaliera di Alessandria

Sindacato infermieri Nursing Up: “Porteremo i vertici delle Asl piemontesi davanti al giudice del lavoro”
Attualità 25 Gennaio 2023 ore 06:47

"Pronti a portare i vertici delle aziende sanitarie piemontesi davanti al giudice del lavoro". È la minaccia del sindacato degli infermieri Nursing Up di fronte al nulla di fatto da parte di Asl e Aso, con l’unica eccezione dell’Azienda ospedaliera di Alessandria diretta da Valter Alpe, sul fronte degli orari di lavoro e in particolare alle cosiddette “pronte disponibilità”. Nonostante “siano state più volte ammonite sull’impellente necessità di rientrare nei nuovi parametri stabiliti dal contratto di lavoro”, spiega il segretario regionale del sindacato Claudio Delli Carri.

La posizione

Una diffida ufficiale “a rispettare il limite invalicabile delle sette pronte disponibilità mensili” è appena partita indirizzata al direttore generale della Città della Salute di Torino, Giovanni La Valle  “e le altre seguiranno a breve”, annuncia il sindacalista che imputa ai direttori generali di “non avere avviato le riorganizzazioni necessarie dei turni”.

Lo stesso Delli Carri spiega come “per meglio comprendere la questione, bisogna ricordare che le pronte disponibilità sono turni di 12 ore nei quali gli infermieri e i professionisti sanitari sono in preallarme, pronti a intervenire su specifiche necessità. Ebbene, fino a oggi, in tutte le aziende sanitarie del Piemonte, agli operatori vengono fatti fare 10, 15 anche più di 20 turni di pronta disponibilità per ogni mese”.

Seguici sui nostri canali