SS34 del Lago Maggiore

Stradale ferma camion carico oltre il consentito: a bordo anche un latitante

Al conducente del mezzo multa e ritiro della patente

Stradale ferma camion carico oltre il consentito: a bordo anche un latitante
Pubblicato:

Prosegue l'attività della Polizia di Stato volta alla tutela della sicurezza sulle principali arterie stradali della provincia.

I controlli

La mattina di sabato 23 marzo una pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Verbania ha proceduto all'arresto di un cittadino egiziano, privo di documenti e destinatario di un ordine di esecuzione pena emesso dalla Procura della Repubblica di Ragusa.

Nell'ambito dei consueti controlli ai veicoli commerciali lungo la SS34 del Lago Maggiore in località Fondotoce, gli operatori, hanno sottoposto a controllo un autocarro trasportante ponteggi che appariva in palese violazione delle norme del c.d.s. riguardanti la massa dei veicoli. Da ulteriori verifiche si appurava che il mezzo eccedeva di oltre il 70% il peso consentito e il passeggero del mezzo, un trentenne di origini nordafricane residente a Milano, risultava privo di documenti.

Lo stesso, identificato tramite le impronte digitali con la collaborazione del personale della Polizia Scientifica della Questura, risultava - con sentenza divenuta irrevocabile nel gennaio 2023 - condannato alla reclusione a quattro anni, tre mesi e 27 giorni e al pagamento di una multa di 1.833.333,33 per il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina commessi nel territorio di Pozzallo (RG) in concorso con altre persone.

Il soggetto veniva pertanto assicurato alla giustizia presso il carcere di Verbania. Al conducente del mezzo, regolare sul territorio nazionale, dipendente di una ditta di trasporto in conto terzi con sede a Milano venivano altresi contestate plurime violazioni al codice della strada per un valore complessivo di circa 2.000 euro con ritiro della patente di guida rilasciata dalle autorità egiziane, come conseguenza della mancata conversione in patente italiana.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali