Attualità
Il caso

Truffa del catalogo a Pallanza: vittima un'anziana di 86 anni

L'episodio è avvenuto il 1° febbraio.

Truffa del catalogo a Pallanza: vittima un'anziana di 86 anni
Attualità VCO, 09 Febbraio 2022 ore 09:26

E' l'ufficio di Federconsumatori di Verbania a mettere in guardia sulla truffa del catalogo dopo l'ultimo episodio emerso a Pallanza.

Truffa del catalogo a Pallanza: 86enne raggirata da un venditore porta a porta

Continua l'attività di assistenza dell'ufficio di Federconsumatori di Verbania: l'ultimo caso che i legali dell'associazione hanno reso noto riguarda una signora di 86 anni residente a Pallanza, che ha rilasciato un acconto di 50 euro per una poltrona per cui la signora si è impegnata a sborsare una cifra ben al di sopra del reale valore di mercato: ecco il racconto diretto dei legali di Federconsumatori Verbania:

Purtroppo si tratta di una delle tante truffe ormai classiche: Società S.r.l. con sede fra la Lombardia e il Veneto che offre, con “venditori porta a porta”, la possibilità di acquistare un ventaglio di beni (es. arredo, letti, materassi, abbigliamento, pentole, attrezzi) a prezzi teoricamente scontati, facendo sottoscrivere un contratto ove però spesso non viene mostrato nessun catalogo o listino prezzi, impedendo quindi al consumatore di avere l’esatta percezione dell’entità del presunto sconto o dell'affare.

La vicenda si è consumata lo scorso 1 febbraio. Il venditore porta a porta ha fatto sottoscrivere all’anziana di 86 anni un modulo contrattuale prestampato vincolandola ad una spesa di 2.240 euro per l’acquisto di una poltrona, il cui valore reale di mercato è molto inferiore. L’anticipo corrisposto, fortunatamente, è di sole 50 euro. Intervenuta la figlia, ha subito telefonato all’Azienda richiedendo di recedere dal contratto, però, come purtroppo accade, il recesso è stato negato con motivi del tutto illegittimi e pretestuosi. Rivoltasi quindi alla Sede di Ferderconsumatori Verbania VCO è stato possibile eseguire il recesso a mezzo pec entro i termini di legge, e quindi svincolare la mal capitata da ogni obbligo contrattuale ancor prima della consegna della poltrona, richiedendo anche la restituzione dell’anticipo corrisposto. Inoltre è stato contestato il comportamento poco trasparente in quanto nessun catalogo e nessuna scheda tecnica è mai stata consegnata.

Abbiamo notato che la Società venditrice, a differenza del passato, ha furbescamente classificato i propri prodotti come “personalizzati e su misura” inserendo quindi nel prestampato una clausola che impedirebbe al consumatore l’esercizio del diritto di recesso. Tale clausola è radicalmente nulla e non ha alcun effetto di legge. Inoltre la stessa Società nel proprio modulo sta utilizzando in modo ingannevole un logo molto simile ad una nota Società produttrice di presidi sanitari.

Come già precisato nelle precedenti vicende, tali contratti trovano un limite nelle fondamentali tutele normative previste dal Codice del Consumo (D.Lgs. 206/2005), infatti è sempre possibile esercitare il diritto di recesso: in alcuni casi entro 14 giorni dalla firma, in altri entro 14 giorni dalla consegna dei beni o dalla consegna dell’ultimo bene in caso di acquisto multiplo. Il recesso è unilaterale e non deve essere accettato dal venditore, ha l’effetto immediato di annullare il contratto svincolando il consumatore da ogni obbligo di pagamento. Il consiglio è sempre quello di diffidare da tali venditori, di non firmare nessun contratto e di contattare gli organi di Polizia.

Solitamente in un solo giorno riescono ad intercettare diversi anziani, quindi non abbiamo ancora contezza di quante siano le vittime dall’1 febbraio ad oggi. La nostra zona l’ultima volta è stata colpita nel giugno scorso.

Chiunque volesse chiedere informazioni può rivolgersi alla sede locale di Federconsumatori di Villa Olimpia a Pallanza, o semplicemente telefonando al numero 351.880.10.54.

Fortunatamente fino ad oggi Federconsumatori è sempre riuscita a risolvere tutti i casi, e gli anticipi in denaro corrisposti dai consumatori al momento della firma sul contratto sono stati restituiti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter