36enne in auto senza patente, dà agli agenti il nome di un amico: denunciato

36enne in auto senza patente, dà agli agenti il nome di un amico: denunciato
Cronaca 22 Agosto 2015 ore 09:34

CASTELLETTO TICINO – Fermato per un normale controllo lo scorso 8 giugno, è finito, dopo qualche tempo, con due denunce sulle spalle, una per guida senza patente e l’altra per aver fornito, in concorso con la fidanzata, quel giorno in auto con lui, false indicazioni sulle sue generalità.

Protagonista è un 36enne di Napoli, controllato dagli agenti della stradale di Arona alla rotonda all’ingresso di Castelletto Ticino, nel Novarese. Il giovane alla guida ha riferito agli agenti di aver dimenticato a casa la patente e, come poi scoperto, non ha fornito il suo vero nome. Ha, infatti, usato quello di un conoscente, residente anche lui in Campania, che sapeva avere la patente, attestato che lui, invece, non aveva mai ottenuto (ecco perché non l’aveva in quel momento con sé in auto).

Nel fornire questa versione, però, ha fatto un errore e ha rilasciato alla Polizia una data di nascita sbagliata. Gli agenti hanno così subito intuito come qualcosa non tornasse e hanno voluto andare a fondo alla storia. Hanno così verificato che al registro della Motorizzazione non risultava alcuna autorizzazione corrispondente ai dati forniti dal giovane. Da lì altri accertamenti, con il coinvolgimento delle forze dell'ordine campane. Un’indagine che ha avuto il bisogno anche di Facebook. Così l’uomo ha rimediato le due denunce. A finire denunciata anche la fidanzata, una 30enne di Caserta di nazionalità marocchina, che aveva confermato la versione dell’uomo.

mo.c.


CASTELLETTO TICINO – Fermato per un normale controllo lo scorso 8 giugno, è finito, dopo qualche tempo, con due denunce sulle spalle, una per guida senza patente e l’altra per aver fornito, in concorso con la fidanzata, quel giorno in auto con lui, false indicazioni sulle sue generalità.

Protagonista è un 36enne di Napoli, controllato dagli agenti della stradale di Arona alla rotonda all’ingresso di Castelletto Ticino, nel Novarese. Il giovane alla guida ha riferito agli agenti di aver dimenticato a casa la patente e, come poi scoperto, non ha fornito il suo vero nome. Ha, infatti, usato quello di un conoscente, residente anche lui in Campania, che sapeva avere la patente, attestato che lui, invece, non aveva mai ottenuto (ecco perché non l’aveva in quel momento con sé in auto).

Nel fornire questa versione, però, ha fatto un errore e ha rilasciato alla Polizia una data di nascita sbagliata. Gli agenti hanno così subito intuito come qualcosa non tornasse e hanno voluto andare a fondo alla storia. Hanno così verificato che al registro della Motorizzazione non risultava alcuna autorizzazione corrispondente ai dati forniti dal giovane. Da lì altri accertamenti, con il coinvolgimento delle forze dell'ordine campane. Un’indagine che ha avuto il bisogno anche di Facebook. Così l’uomo ha rimediato le due denunce. A finire denunciata anche la fidanzata, una 30enne di Caserta di nazionalità marocchina, che aveva confermato la versione dell’uomo.

mo.c.