Il racconto

A Galliate arnie bruciate e centinaia di api morte

Il racconto del proprietario del terreno che spera qualcuno possa aver visto o sentito qualcosa

A Galliate arnie bruciate e centinaia di api morte
Pubblicato:

Un danno economico, ma soprattutto un dramma per la natura, quello provocato da ignoti a Galliate nei giorni scorsi.

Lo racconta il settimanale NovaraOggi

Galliate: azienda di apicultura devastata dai vandali

Quattro arnie andate a fuoco, una di queste bruciata e in parte carbonizzata, morte centinaia e centinaia di api e quattro Regine.

È questo il triste esito di un incendio che qualcuno ha provocato domenica sera, 9 giugno, a Galliate, a quattro arnie: la probabilità che si tratti di un evento doloso è molto alta dal momento che sono stati trovati cubetti di diavolina non bruciati e le arnie in questione sono state spostate e avvicinate proprio per consentire che le fiamme potessero passare da una all’altra.

galliate api
Foto 1 di 3
galliate arnie 3
Foto 2 di 3
galliate arnie
Foto 3 di 3

La diavolina trovata vicino alle arnie

«Sono stato chiamato dicendo che le arnie stavano andando a fuoco» racconta Riccardo Bestetti, il proprietario del terreno. Le arnie appartengono invece all’azienda dell’apicoltore Giarda. «Sul posto sono giunti i vigili del fuoco che poi si sono recati altrove per una emergenza, la cascina La Robinia mi ha aiutato prestandomi una pala per spegnere il fuoco».

Con le fiamme è stato bruciato anche il miele, circa 10 chilogrammi. «Si tratterà di 1.500 euro di danno, ma al di là dell’aspetto economico è difficile vedere così tante api morte» dice il proprietario.

La denuncia è stata fatta ai carabinieri forestali e Bestetti ha testimoniato al comando di Galliate: «Ci hanno detto che sarà molto difficile risalire al o ai colpevoli. L’area? Diciamo che è facilmente raggiungibile a piedi e con la macchina adatta si arriva proprio dove ci sono le arnie».

Sono stati diffusi messaggi anche sui social nella speranza che qualcuno possa aver visto qualcosa o notato qualcosa.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali