Cronaca

Accusato di usura ed estorsione: condannato a 3 anni e mezzo

Accusato di usura ed estorsione: condannato a 3 anni e mezzo
Cronaca 24 Febbraio 2016 ore 08:14

NOVARA – Condanna a 3 anni e mezzo, martedì 23 febbraio in Tribunale a Novara, nei confronti di Domenico Truglio, sessantenne di origine siciliana, arrestato nel marzo dello scorso anno dalla Squadra mobile novarese e finito a processo per usura ed estorsione. I giudici hanno, quindi, accolto in pieno la richiesta del pm Giovanni Caspani, che a giugno aveva chiesto proprio 3 anni e mezzo e 9mila euro di multa.

Vittima dell’imputato, un 40enne novarese, che era senza lavoro, aveva il padre invalido e si era buttato sulle macchinette. “Era nel bisogno ed è stato così raggiunto dall’imputato, che sapeva di queste difficoltà e ne ha approfittato”, ha sostenuto il pm. Il 60enne ha sempre rigettato gli addebiti. Il suo avvocato sin dall’inizio ha sostenuto come non esistesse in alcun modo il reato contestato e aveva chiesto l’assoluzione per l’usura perché il fatto non costituisce reato e la riqualificazione dell’estorsione in minaccia. 

mo.c.

 

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 25 febbraio


NOVARA – Condanna a 3 anni e mezzo, martedì 23 febbraio in Tribunale a Novara, nei confronti di Domenico Truglio, sessantenne di origine siciliana, arrestato nel marzo dello scorso anno dalla Squadra mobile novarese e finito a processo per usura ed estorsione. I giudici hanno, quindi, accolto in pieno la richiesta del pm Giovanni Caspani, che a giugno aveva chiesto proprio 3 anni e mezzo e 9mila euro di multa.

Vittima dell’imputato, un 40enne novarese, che era senza lavoro, aveva il padre invalido e si era buttato sulle macchinette. “Era nel bisogno ed è stato così raggiunto dall’imputato, che sapeva di queste difficoltà e ne ha approfittato”, ha sostenuto il pm. Il 60enne ha sempre rigettato gli addebiti. Il suo avvocato sin dall’inizio ha sostenuto come non esistesse in alcun modo il reato contestato e aveva chiesto l’assoluzione per l’usura perché il fatto non costituisce reato e la riqualificazione dell’estorsione in minaccia. 

mo.c.

 

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 25 febbraio


Seguici sui nostri canali