Acqua Novara Vco Spa: polemiche e successi

Acqua Novara Vco Spa: polemiche e successi a Trecate che avrà ancora l'info point

Acqua Novara Vco Spa: polemiche e successi
Cronaca 15 Gennaio 2019 ore 10:26

Acqua Novara Vco Spa: polemiche e successi.

Acqua Novara Vco Spa.

L'Amministrazione comunale definisce il passaggio come lungo, difficoltoso e impegnativo ma non più rimandabile. Nel mirino il passaggio della gestione del ramo idrico da Servizi pubblici trecatesi S.p.a. ad Acqua Novara.Vco S.p.a. Per legge, è stato obbligatorio trasferire tutto il patrimonio di Spt alla nuova società e sono ancora in corso i passaggi tecnico-burocratici per concludere la pratica. Tutto questo si è purtroppo riverberato sui cittadini con l’aumento delle tariffe: l’Amministrazione comunale ne è consapevole ed assicura ai trecatesi che ha condotto con la nuova azienda lunghe trattative per renderlo il più graduale possibile.

I successi

L’Info point: in nessuno dei Comuni in cui opera Acqua Novara.Vco S.p.a. è stato aperto dalla ditta uno sportello per il cittadino. Solo Trecate l’ha ottenuto potendo così continuare a erogare questo servizio ai cittadini come in passato.

Secondo punto a favore: la tariffazione graduata. Si è convenuto con la nuova azienda di allineare le tariffe progressivamente prevedendo uno sconto iniziale che si può verificare in bolletta nel “riepilogo importi” alla voce “addebiti/accrediti diversi”. Alla tipologia dei consumi corrisponde uno sconto in bolletta: 24% non domestico, 22% domestico e 39% non residente. Dal 2019, inoltre, secondo le direttive dell’Arera, Acqua Novara.Vco S.p.a. farà pervenire agli utenti le bollette in base al consumo di ciascuno: chi spenderà di meno le riceverà più scaglionate nel tempo.

L'Amministrazione ricorda, a proposito di aumenti delle tariffe, che dal 2008 la società Servizi pubblici trecatesi S.p.a. ha progressivamente e continuamente adeguato le tariffe in modo da assicurare risorse necessarie per coprire gli interventi di manutenzione e gli investimenti sulla rete e sugli impianti, ma anche da avvicinarsi a quelle praticate dall’ATO (Autorità territoriale d’Ambito - Consorzio di bacino) in tutti i Comuni delle due Province di Novara e Verbano Cusio Ossola.