Si fingeva donna

Adescava ragazzine su Facebook per farle prostituire

Prestazioni da 100 euro

Adescava ragazzine su Facebook per farle prostituire
28 Settembre 2020 ore 07:38

Adescava ragazzine su Facebook per farle prostituire: terribile vicenda nel Canavese. Lo riportano i colleghi di notiziaoggi.it 

Adescava ragazzine su Facebook per farle prostituire

Viveva nel Canavese, a poche decine di chilometri da Biella, il gestore di una fitta rete di baby-prostitute organizzata tramite Facebook. Il 35enne Giuseppe Schiavone, residente a Castellamonte (TO), adescava ragazzine, anche minorenni, attraverso i social con l’intento di farle prostituire.
LEGGI ANCHE: Nuove truffe al tempo del Covid: falsi operatori dell’Asl chiedono 70 euro per una consulenza

Con un falso nome

Si fingeva una donna (il suo finto nome era “Elenoir Antonacci”), chiedeva l’amicizia alle giovani, entrava in confidenza con loro e poi organizzava gli incontri. La prestazione sessuale valeva 100 euro, ma alle sventurate arrivavano solo 10 euro.

Condannato a 15 anni di carcere

L’uomo riusciva a gestire una fitta rete di incontri attraverso internet, dalla sua casa di Castellamonte, nonostante le ragazze vivessero anche molto lontano. Giuseppe Schiavone è comparso davanti ai giudici del tribunale di Ivrea ed è stato condannato a 15 anni di carcere per induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità