Cronaca

Al Pronto Soccorso del Maggiore si combatte il fumo di tabacco

Il progetto

Al Pronto Soccorso del Maggiore si combatte il fumo di tabacco
Cronaca Novara, 15 Dicembre 2016 ore 09:10

Il progetto

La LILT (Lega Italiana per la lotta contro i Tumori- Sezione Provinciale di Novara Onlus) e l’Università del Piemonte Orientale – Dipartimento di Medicina Traslazionale, presentano il progetto di ricerca “EFFICACIA DEL COUNSELING BREVE PER LA CESSAZIONE DEL FUMO DI TABACCO IN UN PRONTO SOCCORSO”.

Dal 1° gennaio 2017 il Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Novara, infatti, diventa campo di sperimentazione per un intervento innovativo che mira a far cessare l’uso di tabacco ai fumatori. I pazienti che accederanno in Pronto Soccorso per patologie non gravi saranno coinvolti in un momento di forte attenzione per la salute, e quindi anche di grande disponibilità a fare qualcosa per il suo miglioramento.

Il fumo di tabacco, infatti, è ancora la maggiore minaccia alla salute pubblica mondiale, causando circa 5 milioni di decessi prevenibili ogni anno. In Italia coinvolge oltre il 20% della popolazione e causa più di 80.000 morti l’anno.

L’intervento, condotto dagli infermieri del Pronto Soccorso formati “ad hoc”, coinvolgerà un campione casuale di pazienti del pronto soccorso, i cui risultati saranno confrontati con quelli di un campione che, invece, non riceverà l’intervento.