Alla sbarra per una serie di furti di bici

Alla sbarra per una serie di furti di bici
Cronaca 12 Luglio 2015 ore 02:42

NOVARA – Altro processo, in Tribunale a Novara, per Carlo Zaupa, 53enne lombardo, soprannominato “Milan” per il tifo calcistico per la squadra rossonera. L’uomo, già condannato a 8 anni per furto e molestie sessuali a un’anziana di Cameri (l’episodio, che aveva sconvolto il Novarese, era successo il 23 maggio del 2011 in una villetta), è ora alla sbarra per una serie di furti di biciclette.
Difeso d’ufficio dall’avvocato Barbara Grazioli, all’uomo si contestano i furti di alcune bici a Trecate e Novara. Nella cittadina dell’Ovest Ticino il 7 agosto 2008 e il 30 giugno 2011, nel capoluogo novarese il 6 febbraio 2011. A portare ad attribuire al 53enne, al momento in carcere a Vercelli, i furti, le indagini successive all’arresto per il fatto di Cameri. E’ stato anche riconosciuto in alcune immagini di videocamere, proprio mentre tagliava i lucchetti delle bici in sosta. Processo aggiornato al 16 febbraio.

mo.c.

NOVARA – Altro processo, in Tribunale a Novara, per Carlo Zaupa, 53enne lombardo, soprannominato “Milan” per il tifo calcistico per la squadra rossonera. L’uomo, già condannato a 8 anni per furto e molestie sessuali a un’anziana di Cameri (l’episodio, che aveva sconvolto il Novarese, era successo il 23 maggio del 2011 in una villetta), è ora alla sbarra per una serie di furti di biciclette.
Difeso d’ufficio dall’avvocato Barbara Grazioli, all’uomo si contestano i furti di alcune bici a Trecate e Novara. Nella cittadina dell’Ovest Ticino il 7 agosto 2008 e il 30 giugno 2011, nel capoluogo novarese il 6 febbraio 2011. A portare ad attribuire al 53enne, al momento in carcere a Vercelli, i furti, le indagini successive all’arresto per il fatto di Cameri. E’ stato anche riconosciuto in alcune immagini di videocamere, proprio mentre tagliava i lucchetti delle bici in sosta. Processo aggiornato al 16 febbraio.

mo.c.