Cronaca

Allarme terrorismo, nessuna “criticità” nel Novarese

Allarme terrorismo, nessuna “criticità” nel Novarese
Cronaca 19 Novembre 2015 ore 01:51

NOVARA - Prima, sabato pomeriggio in piazza Duomo, la partecipazione alla manifestazione all’indomani dei tragici fatti di sangue di Parigi, poi subito dopo, la convocazione in Prefettura del “Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica”, presenti, oltre ai vertici delle Forze dell’ordine, il sindaco del capoluogo e il vicepresidente di Palazzo Natta. Non ha perso tempo il prefetto Francesco Paolo Castaldo per fare il punto - operativo - della situazione in questo momento così delicato, lui, in qualità di responsabile appunto della sicurezza e dell’ordine pubblico dal punto di vista politico-amministrativo, responsabilità poi delegata tecnicamente al questore. Lo premettiamo: non sono emerse particolari “criticità” nel Novarese, ma l’attenzione resta alta, anzi, i livelli sono stati innalzati. In pratica, come ha precisato lo stesso ministro Alfano, siamo sostanzialmente alla soglia medio alta. In un colloquio informale il dottor Castaldo ci ha confermato di aver deciso di "innalzare il livello di attenzione, già in atto, ovvero un maggiore controllo del territorio".

p.v.

leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di giovedì 19 novembre

NOVARA - Prima, sabato pomeriggio in piazza Duomo, la partecipazione alla manifestazione all’indomani dei tragici fatti di sangue di Parigi, poi subito dopo, la convocazione in Prefettura del “Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica”, presenti, oltre ai vertici delle Forze dell’ordine, il sindaco del capoluogo e il vicepresidente di Palazzo Natta. Non ha perso tempo il prefetto Francesco Paolo Castaldo per fare il punto - operativo - della situazione in questo momento così delicato, lui, in qualità di responsabile appunto della sicurezza e dell’ordine pubblico dal punto di vista politico-amministrativo, responsabilità poi delegata tecnicamente al questore. Lo premettiamo: non sono emerse particolari “criticità” nel Novarese, ma l’attenzione resta alta, anzi, i livelli sono stati innalzati. In pratica, come ha precisato lo stesso ministro Alfano, siamo sostanzialmente alla soglia medio alta. In un colloquio informale il dottor Castaldo ci ha confermato di aver deciso di "innalzare il livello di attenzione, già in atto, ovvero un maggiore controllo del territorio".

p.v.

leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di giovedì 19 novembre