Nuovo progetto

Antonino Cannavacciuolo “web prof” per gli studenti del Maggia di Stresa

La scuola alberghiera più antica d’Italia ha dato il via a “Call to action: Vicini al Maggia”.

Antonino Cannavacciuolo “web prof” per gli studenti del Maggia di Stresa
VCO, 30 Marzo 2020 ore 11:43

Una didattica all’avanguardia: video di esperti del settore alberghiero per l’Istituto E. Maggia di Stresa. Cannavacciuolo, Sacco, Vigitello e Cinzia Ferro i primi a partecipare a “Call to action: Vicini al Maggia”.

Didattica a distanza

AAA, video cercansi. La scuola chiama e gli esperti rispondono. L’Istituto Alberghiero “Erminio Maggia” di Stresa ha lanciato il progetto “Call to action: Vicini al Maggia” per coinvolgere i professionisti del settore ristorativo e turistico nella didattica a distanza.

La scuola alberghiera più antica d’Italia, nata nel 1938 sulle rive del Lago Maggiore, è chiusa come tutti gli istituti scolastici a causa dell’emergenza Coronavirus, ma ha lanciato un appello: ha chiesto a professionisti, imprenditori e specialisti di mandare un filmato sui temi del settore turistico ed enogastronomico. Insomma, un invito a fare squadra, tra docenti ed esperti, tra pubblico e privato.

I primi chef aderenti

Le prime risposte non si sono fatte attendere e “grandi nomi” hanno già inviato i loro contributi: gli chef pluristellati e volti televisivi Antonino Cannavacciuolo di Villa Crespi a Orta (con ricette a base di gorgonzola) e Marco Sacco del Piccolo Lago di Mergozzo (con una ricetta per gli gnocchi di patate), la barlady Cinzia Ferro dell’Estremadura Cafè di Verbania (con tutorial per la preparazione di cocktail) e il direttore dell’hotel Villa Aminta di Stresa, Fabio Vigitello (con preziosi video consigli sull’internazionalizzazione dell’accoglienza).

Ma come verranno usati questi filmati? Il progetto coinvolge i professori di laboratorio, ha l’obiettivo di creare materiali per supportare le lezioni a distanza dei docenti. I video saranno il punto di partenza per proporre agli alunni attività di apprendimento di tipo cooperativo. Gli studenti dovranno svolgere ricerche e approfondimenti, ma a dare lo spunto questa volta saranno gli esperti che lavorano sul campo, che possono mostrare loro com’è la realtà professionale oltre le mura scolastiche. O della propria casa, in questa particolare situazione che stiamo vivendo.

L’appello

Il progetto è solo all’inizio e ora la chiamata all’azione è rivolta a tutti coloro che lavorano nell’ambito dei servizi di cucina, di sala, di accoglienza e del mondo del turismo. Esorta a questo il dirigente scolastico Fiorenzo Ferrari: “l’invito ai professionisti è a inviare i propri video, girati a casa propria e in tutta sicurezza, per farsi sentire vicini alle ragazze e ai ragazzi del Maggia, per raccontare loro i fondamentali della professione, per essere pronti a ripartire insieme alla riapertura delle scuole e delle strutture turistiche. Insomma, unire le voci per dire forte: andrà tutto bene!”. I video saranno caricati sul canale youtube della scuola e ciò permetterà di raggiungere anche quegli studenti che non possono accedere alle piattaforme per la didattica a distanza a causa di particolari situazioni familiari o seri impedimenti.

Nei giorni del Coronavirus il Maggia si sta attrezzando per fornire agli studenti una didattica a distanza di qualità, pur nella difficoltà di fare da lontano ciò che caratterizza una scuola professionale, vale a dire la pratica di laboratorio. È stato redatto un Patto di corresponsabilità tra tutte le persone che vivono la scuola per stabilire diritti e doveri nella didattica a distanza. Continua il servizio della psicologa, ora in videochiamata. I docenti stanno proponendo videolezioni, materiali digitali, registrazioni audio ed esercitazioni a distanza per fare sentire ai ragazzi che i professori ci sono, che la quotidianità va avanti, che si può vivere la collettività della classe anche in maniera virtuale. Per imparare, certo, ma anche per sentirsi uniti

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità