Cronaca

Automobilista trova una multa che ritiene ingiustificata e protesta in piazza Martiri

Automobilista trova una multa che ritiene ingiustificata e protesta in piazza Martiri
Cronaca 05 Settembre 2016 ore 09:42

NOVARA, Parcheggia la propria autovettura in piazza Martiri all’interno degli spazi dedicati alle persone diversamente abili. Tanto lui quanto la moglie hanno alcuni problemi, la donna, ad esempio, si trova su una sedia a rotelle. Stando a quanto riferito da alcuni testimoni, il tagliando che indica di avere in auto una persona disabile è segnalato, è ben presente. A fine serata, sabato, però, l’uomo, un sessantenne, sostiene di aver trovato sul parabrezza una multa di oltre 100 euro, per la precisione 107.A quel punto va in escandescenze, si inalbera e chiama il comando della Polizia locale perché vuol chiarire la situazione e farsi togliere la contravvenzione. Dal comando, però, non giunge nessuno. Sono circa le 23,30 e l’uomo non si arrende. Chiama anche Polizia e Carabinieri e, nel frattempo, come protesta, sposta la propria auto, una Peugeot, in uno spazio particolare, così da bloccare la carreggiata e impedire ad altri mezzi di passare. Quando arriva la Polizia di Stato, la situazione è già in qualche modo rientrata e l’auto non ostacola più il transito. Sul posto anche un carabiniere fuori servizio e l’assessore alla Sicurezza, Mario Paganini. La situazione è rientrata velocemente e tutto si è svolto con assoluta tranquillità, pur se certo l’episodio ha destato curiosità tra la tanta gente presente in centro per le tante manifestazioni in programma.mo.c.
Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola lunedì 5 settembre

NOVARA, Parcheggia la propria autovettura in piazza Martiri all’interno degli spazi dedicati alle persone diversamente abili. Tanto lui quanto la moglie hanno alcuni problemi, la donna, ad esempio, si trova su una sedia a rotelle. Stando a quanto riferito da alcuni testimoni, il tagliando che indica di avere in auto una persona disabile è segnalato, è ben presente. A fine serata, sabato, però, l’uomo, un sessantenne, sostiene di aver trovato sul parabrezza una multa di oltre 100 euro, per la precisione 107.A quel punto va in escandescenze, si inalbera e chiama il comando della Polizia locale perché vuol chiarire la situazione e farsi togliere la contravvenzione. Dal comando, però, non giunge nessuno. Sono circa le 23,30 e l’uomo non si arrende. Chiama anche Polizia e Carabinieri e, nel frattempo, come protesta, sposta la propria auto, una Peugeot, in uno spazio particolare, così da bloccare la carreggiata e impedire ad altri mezzi di passare. Quando arriva la Polizia di Stato, la situazione è già in qualche modo rientrata e l’auto non ostacola più il transito. Sul posto anche un carabiniere fuori servizio e l’assessore alla Sicurezza, Mario Paganini. La situazione è rientrata velocemente e tutto si è svolto con assoluta tranquillità, pur se certo l’episodio ha destato curiosità tra la tanta gente presente in centro per le tante manifestazioni in programma.mo.c.
Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola lunedì 5 settembre

Seguici sui nostri canali