La posizione

Bar e ristoranti chiusi alle 23: la Regione Piemonte non ci sta

Al Governo l’Assessore chiede di attivare leve economiche per sostenere i titolari dei locali di intrattenimento al momento rimasti fuori dai programmi di sostegno statali.

Bar e ristoranti chiusi alle 23: la Regione Piemonte non ci sta
06 Ottobre 2020 ore 11:37

Bar e ristoranti chiusi alle 23, la Regione Piemonte non ci sta. Lo riportano i colleghi di notiziaoggi.it

Bar e ristoranti chiusi

«L’ipotesi di una chiusura alle 23 dei pubblici esercizi come bar, ristoranti o birrerie potrebbe avere due effetti: non contenere la diffusione del virus che come tutti sanno non ha orari, e in compenso danneggiare seriamente un settore già duramente colpito».

Così l’Assessore regionale al Commercio Vittoria Poggio, a seguito delle indiscrezioni giornalistiche sull’ipotesi di chiusura anticipata dei ristoranti. Raccogliendo le preoccupazioni della categoria, Poggio invita dunque il governo a un ripensamento. «Al momento sono voci, negozianti ed esercizi commerciali sono già impegnati a far rispettare le misure di sicurezza e per questa ragione mi auguro che a Palazzo Chigi prendano tempo e riflettano per non trasformare quella che oggi è un’ipotesi in un provvedimento nefasto che si può evitare semplicemente rispettando le regole a cui siamo già sottoposti per evitare la diffusione del Covid-19».

Al Governo l’Assessore chiede, infine, di attivare leve economiche per sostenere i titolari dei locali di intrattenimento al momento rimasti fuori dai programmi di sostegno statali.

«Noi come Regione Piemonte abbiamo fatto la nostra parte consegnando ai titolari delle discoteche 2.500 euro a testa a fondo perduto. In Conferenza Stato Regioni eravamo rimasti d’accordo che successivamente sarebbe intervenuto anche il Governo, che però stiamo ancora aspettando. Se non si farà in fretta qualcuno dovrà assumersi la responsabilità di avere contribuito a cancellare un’intera categoria produttiva

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità