Cronaca
Han tentato la fuga

Base di spaccio nei boschi di Carpugnigno: spaventavano i passanti con un machete, arrestati 3 marocchini

Durante la perquisizione al covo, sono stati rinvenuti i telefoni cellulari utilizzati per le trattative di vendita dello stupefacente,

Base di spaccio nei boschi di Carpugnigno: spaventavano i passanti con un machete, arrestati 3 marocchini
Cronaca VCO, 31 Marzo 2022 ore 06:12

Nella mattinata di martedì 29 marzo, si è svolta una importante operazione dei Carabinieri della Compagnia di Domodossola per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti che vedeva come centro principale di vendita i boschi di Brovello –Carpugnino.

L'operazione

Durante l’operazione, scaturita al termine di una complessa attività investigativa condotta e sviluppata dagli uomini dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Domodossola, supportati dagli altri militari dello stesso comando e dai colleghi di Verbania, sono stati fermati tre soggetti di origine marocchina, due dei quali di 26 anni ed il terzo di 27 anni, sorpresi a bivaccare in una tenda all’interno del bosco, diventato la base operativa per lo spaccio di stupefacenti in zona.
Vana la resistenza ed il tentativo di fuga.

Le indagini erano iniziate grazie alle segnalazioni di numerose persone del luogo che, anche alla luce del fatto che si tratta di un’area molto frequentata e dove le voci girano velocemente, avevano saputo che ogni tanto si vedevano dei soggetti “loschi” uscire improvvisamente dalla boscaglia minacciando e spaventando i passanti con un machete.

Nonostante non fosse stata presentata alcuna denuncia per minacce e nessuno avesse visto personalmente tali scene, i Carabinieri hanno sviluppato le prime indagini fermando numerosi consumatori di stupefacenti, segnalandoli di volta in volta per uso di stupefacenti e sequestrando la sostanza. L’area boschiva ha complicato le indagini perché gli spacciatori riuscivano a lavorare indisturbati facendosi anche forti del fatto che l’area rendeva gli avvistamenti e gli avvicinamenti molto complicati, con il rischio di permettere loro una rapida fuga qualora si fossero avvicinate le Forze di Polizia.
Ieri mattina, grazie ad una ricognizione molto prudente ed in vero stile militare, i Carabinieri hanno raggiunto e circondato in silenzio la tenda dove i tre stavano riposando e li hanno arrestati senza che potessero reagire.

Durante la perquisizione al covo, sono stati rinvenuti i telefoni cellulari utilizzati per le trattative di vendita dello stupefacente, power-bank per mantenere la ricarica degli stessi, denaro in contante ed un grosso coltello da cucina usato per intimidire i clienti più restii. Varie le derrate alimentari presenti ed i rifiuti, segno evidente di una lunga permanenza in loco. Dopo ulteriori accertamenti, due dei tre fermati sono risultati essere immigrati irregolari sul territorio nazionale, mentre il terzo è risultato in possesso di una richiesta di permesso di soggiorno in pendenza, e che mai gli verrà concessa.

Successivamente, sono stati condotti presso la casa circondariale di Verbania, in attesa per processo di convalida.

Seguici sui nostri canali