Beppe Fiorello è Enzo Muscia, l’imprenditore che ha rilevato l’azienda che lo aveva licenziato

In onda questa sera su Rai1.

Beppe Fiorello è Enzo Muscia, l’imprenditore che ha rilevato l’azienda che lo aveva licenziato
19 Febbraio 2019 ore 15:14

Stasera su Rai1 “Il mondo sulle spalle”, il film prodotto da Rai Fction in cui Beppe Fiorello è Enzo Muscia, l’imprenditore eroe di Saronno.

Beppe Fiorello è Enzo Muscia

Andrà in onda questa sera su Rai1 in prima serata “Il mondo sulle spalle“, il film prodotto da Roberto Sessa per Rai Fiction, diretto dal regista Nicola Campiotti e che vedrà come protagonista Beppe Fiorello nei panni di Enzo Muscia, l’operaio di Saronno che ha rilevato l’azienda che lo aveva licenziato e ha ridato lavoro ai suoi ex colleghi.

Enzo Muscia e Torino

La sua storia ve l’avevamo raccontata qualche mese fa. Nel 2012 Muscia rilevò, con non pochi sacrifici (ipotecando la sua stessa casa e senza aiuto delle banche) l’azienda che lo aveva licenziato e ridette lavoro a 35 suoi ex colleghi che erano stati lasciati a casa, riportando l’A-Novo ad antichi splendori.  Alla fine dello scorso anno poi Muscia ha rilevato un centro di assistenza che Samsung stava per dismettere, riportando a Torino il modello già adottato sei anni fa a Saronno.

Il mondo sulle spalle

Il film che andrà in onda stasera racconta la vita di questo straordinario imprenditore che in un momento difficile della sua vita ha deciso di essere artefice del proprio destino. La vita di Enzo Muscia (Marco nella finzione) sembra infatti essere perfetta: lavora come tecnico specializzato in assemblaggio di componenti video e sta per avere un figlio dalla sua compagna. Il bambino però nasce prematuro e con una malformazione cardiaca, contemporaneamente la multinazionale per cui lavora lascia a casa lui e tutti i suoi colleghi. Due brutti colpi che però non lo abbattono e decide di lottare acquisendo l’azienda ma dovrà scegliere quali colleghi tenere al suo fianco.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità