Perquisizioni in corso

Briona sequestrata discarica abusiva

C’è concretamente il rischio che terre/rifiuto siano state immesse nei processi produttivi di opere pubbliche e private.

Briona sequestrata discarica abusiva
Novara, 03 Settembre 2020 ore 12:10

Il Gruppo di Polizia Giudiziaria Ambiente della Procura di Novara ed il Gruppo Carabinieri Forestale di Novara stanno procedendo al sequestro preventivo di un impianto di trattamento di terre e rocce da scavo e rifiuti da demolizione sito a Briona, fraz. Proh.

La discarica abusiva

Il sequestro preventivo, disposto dal G.I.P. di Novara, è stato emesso in conseguenza alla contestata illegittimità dell’atto autorizzativo provinciale al trattamento di rifiuti terrosi e da demolizione, di cui è titolare l’azienda stessa.

Inoltre, è stata anche accertata la gestione non conforme a legge di tutto il materiale di scavo e da demolizione edilizia, presente all’interno dell’impianto. La mancata sottoposizione delle terre e dei rifiuti da demolizione ai trattamenti previsti per legge, ne impedisce il loro recupero conforme e non dà alcuna certezza di salubrità del prodotto finito (terre, sabbie e materiale da costruzione e da riempimento).
Pertanto, viene contestato il reato di discarica abusiva, dovendosi ritenere che le terre ed i materiali ivi depositati siano rifiuto, illecitamente depositato sul sito dell’azienda ed illegalmente smerciato. Per i fatti è stato segnalato all’AG l’amministratore della società.

Le sanzioni

Il reato di discarica abusiva, ove confermato, oltre all’irrogazione delle previste sanzioni penali, prevede anche l’applicazione del provvedimento di confisca. Pertanto, in caso di condanna, lo Stato acquisirebbe la proprietà dell’area, che dovrebbe essere sanata a spese dell’attuale titolare.
Contestualmente si sta procedendo ad una serie di acquisizioni documentali. Le terre ed i materiali di recupero, infatti, sono stati indirizzati verso diverse opere pubbliche, alcune appena concluse. Tra le più importanti, si cita la tangenziale di Fara Novarese, di prossima apertura.
Al momento vengono impiegati 20 Carabinieri Forestali, oltre al personale del Gruppo di PG. Ambiente della Procura di Novara. Le province interessate sono, oltre Novara, anche quella di Vercelli, Torino e Trento.
In questo momento, si sta procedendo ad acquisire documentazione presso la Provincia di Novara, la Regione Piemonte e presso tre ditte, due della provincia di Vercelli ed una di quella di Novara, che hanno avuto contatti commerciali ed operato acquisizioni/vendite di terre e prodotti di recupero dalla stessa azienda.

I rischi

C’è concretamente il rischio che terre/rifiuto siano state immesse nei processi produttivi di opere pubbliche e private. L’attività di indagine ulteriore sarà finalizzata a tracciare il più possibile tali terre e materiali, al fine di effettuarne un’attenta caratterizzazione. Ciò è necessario allo scopo di escludere forme di contaminazione ambientale o pericoli per la salute pubblica nonché per la stabilità delle opere infrastrutturali realizzate con materiali privi di idoneità prestazionale.
L’indagine proseguirà ulteriormente, sino al completo tracciamento ed alla più puntuale caratterizzazione di tutte le terre fuoriuscite dall’azienda.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità