Cronaca

Causa siccità, dichiarata la massima pericolosità per gli incendi boschivi in Piemonte

Causa siccità, dichiarata la massima pericolosità per gli incendi boschivi in Piemonte
Cronaca 21 Gennaio 2016 ore 20:48

NOVARA – Dopo una pausa di circa due settimane torna lo stato di 'massima pericolosità' per gli incendi boschivi nel territorio piemontese. A dichiararlo, la Protezione civile e Antincendi boschivi della Regione Piemonte.

Un’allerta che parte da oggi giovedì 21 gennaio sull’intero territorio regionale, compreso quindi il Novarese e il Vco. Il tutto in base alle previsioni meteorologiche dei prossimi giorni, elaborate da Arpa Piemonte, e la notevole siccità.

“Nel periodo in cui viene dichiarato lo stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi – viene spiegato - sono vietate le azioni che possono determinare, anche solo parzialmente, l’innesco di incendio. In particolare è vietato accendere fuochi, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare motori, fornelli, o inceneritori che producano faville o brace, accendere fuochi d’artificio, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale combustibile o compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio. Le violazioni di legge saranno perseguite con sanzioni amministrative e penali”.

Sempre la Protezione civile regionale invita i cittadini a una collaborazione concreta, segnalando eventuali incendi al numero 1515 del Corpo forestale dello Stato, oppure al numero verde 800807091 della Sala operativa regionale attiva al Corpo forestale, oltre a prestare attenzione a ogni azione che possa causare incendi boschivi.

mo.c.


NOVARA – Dopo una pausa di circa due settimane torna lo stato di 'massima pericolosità' per gli incendi boschivi nel territorio piemontese. A dichiararlo, la Protezione civile e Antincendi boschivi della Regione Piemonte.

Un’allerta che parte da oggi giovedì 21 gennaio sull’intero territorio regionale, compreso quindi il Novarese e il Vco. Il tutto in base alle previsioni meteorologiche dei prossimi giorni, elaborate da Arpa Piemonte, e la notevole siccità.

“Nel periodo in cui viene dichiarato lo stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi – viene spiegato - sono vietate le azioni che possono determinare, anche solo parzialmente, l’innesco di incendio. In particolare è vietato accendere fuochi, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare motori, fornelli, o inceneritori che producano faville o brace, accendere fuochi d’artificio, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale combustibile o compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio. Le violazioni di legge saranno perseguite con sanzioni amministrative e penali”.

Sempre la Protezione civile regionale invita i cittadini a una collaborazione concreta, segnalando eventuali incendi al numero 1515 del Corpo forestale dello Stato, oppure al numero verde 800807091 della Sala operativa regionale attiva al Corpo forestale, oltre a prestare attenzione a ogni azione che possa causare incendi boschivi.

mo.c.


 

Seguici sui nostri canali