Cerano: il Cantone Mulino vince il Palio

Cerano: il Cantone Mulino vince il Palio
Cronaca 22 Settembre 2015 ore 05:23

CERANO - E’ stata una bellissima giornata di sole (dopo il rinvio della scorsa settimana a causa delle avverse condizioni meteorologiche) a fare finalmente da sfondo alla vittoria del Cantone Mulino (salito sul gradino più alto del podio totalizzando 23 punti, accumulati nei giochi e nel tiro con l’arco) nella trentaduesima edizione del Palio dei Quattro Cantoni, manifestazione che si è tenuta nel pomeriggio di domenica 20 settembre.

I rioni Canton Nuovo (20 punti), Troggia (17 punti) e Castello (11 punti) si sono classificati rispettivamente al secondo, terzo e quarto posto.

Alle 15 il corteo dei personaggi in costumi rinascimentali è partito dal palazzo municipale, sfilando nelle strade del centro storico e toccando i “territori” di tutti e quattro i rioni prima di arrivare al terreno di gioco, allestito quest’anno nel campo da calcio dell’area sportiva di via Bagno.

A chiudere la sfilata la coppia dei Gallarati, nobili del paese, impersonati da Loris Chiericati e Iose Ferrari, e, ovviamente, il drappo “Il Beato, la Summa e i giovani”, dipinto dalla pittrice ceranese Angela Ossola.

Le prove attraverso le quali aggiudicarsi l’ambito drappo (all’interno del campo è stato autorizzato l’esclusivo ingresso, oltre che delle squadre, dei massimi figuranti della manifestazione, dei presidenti rionali di Canton Nuovo, Castello, Mulino e Troggia, degli allenatori delle squadre e dei giudici di gara) si sono svolte a partire dale 16.30 circa in un clima in alcuni momenti acceso davanti alle tifoserie biancoazzurre, biancoverdi, giallonere e giallorosse e a numerosissimi spettatori, sotto lo sguardo vigile della quaterna arbitrale fornata da Alessandro Albanese, Franco Calcaterra, Mauro Cesti, Germano De Grandis e presieduta da Dario Russo.

«Questo Palio – hanno rimarcato i giocatori Alessio Baratto, Guido Bezzan (arciere), Riccardo Bolognino, Rosaria e Salvatore Capraro, Irene Lucherini, Daniele Maffè, Barbara Puleo, Giovanni Sini e Virginia Uglietti e l’allenatore e presidente Andrea Volpi – è dedicato a tutte le persone scomparse nel nostro rione, ma in particolare all’indimenticabile Giovanni Baratto».

Lalla Negri

CERANO - E’ stata una bellissima giornata di sole (dopo il rinvio della scorsa settimana a causa delle avverse condizioni meteorologiche) a fare finalmente da sfondo alla vittoria del Cantone Mulino (salito sul gradino più alto del podio totalizzando 23 punti, accumulati nei giochi e nel tiro con l’arco) nella trentaduesima edizione del Palio dei Quattro Cantoni, manifestazione che si è tenuta nel pomeriggio di domenica 20 settembre.

I rioni Canton Nuovo (20 punti), Troggia (17 punti) e Castello (11 punti) si sono classificati rispettivamente al secondo, terzo e quarto posto.

Alle 15 il corteo dei personaggi in costumi rinascimentali è partito dal palazzo municipale, sfilando nelle strade del centro storico e toccando i “territori” di tutti e quattro i rioni prima di arrivare al terreno di gioco, allestito quest’anno nel campo da calcio dell’area sportiva di via Bagno.

A chiudere la sfilata la coppia dei Gallarati, nobili del paese, impersonati da Loris Chiericati e Iose Ferrari, e, ovviamente, il drappo “Il Beato, la Summa e i giovani”, dipinto dalla pittrice ceranese Angela Ossola.

Le prove attraverso le quali aggiudicarsi l’ambito drappo (all’interno del campo è stato autorizzato l’esclusivo ingresso, oltre che delle squadre, dei massimi figuranti della manifestazione, dei presidenti rionali di Canton Nuovo, Castello, Mulino e Troggia, degli allenatori delle squadre e dei giudici di gara) si sono svolte a partire dale 16.30 circa in un clima in alcuni momenti acceso davanti alle tifoserie biancoazzurre, biancoverdi, giallonere e giallorosse e a numerosissimi spettatori, sotto lo sguardo vigile della quaterna arbitrale fornata da Alessandro Albanese, Franco Calcaterra, Mauro Cesti, Germano De Grandis e presieduta da Dario Russo.

«Questo Palio – hanno rimarcato i giocatori Alessio Baratto, Guido Bezzan (arciere), Riccardo Bolognino, Rosaria e Salvatore Capraro, Irene Lucherini, Daniele Maffè, Barbara Puleo, Giovanni Sini e Virginia Uglietti e l’allenatore e presidente Andrea Volpi – è dedicato a tutte le persone scomparse nel nostro rione, ma in particolare all’indimenticabile Giovanni Baratto».

Lalla Negri