Cercava funghi

Cercava funghi
Cronaca 28 Settembre 2015 ore 15:04

TRONTANO -  Disperso da tre giorni nei boschi dell’Ossola. Da venerdì non si hanno più notizie di un cercatore di funghi di 72 anni, residente a Mede, in provincia di Pavia. Il pensionato tre giorni fa ha raggiunto in auto Trontano per cercare porcini. Non vedendolo rincasare in serata il figlio ha  allertato i soccorsi. Immediatamente è scattato il protocollo di ricerca con i soccorritori che fino alle 3 di notte hanno setacciato con le lampade frontali i pendii e i dirupi della valletta montana compresa tra Verigo e Trontano. I sopralluoghi sono poi ripresi sabato all'alba per essere nuovamente sospesi in serata. Ieri mattina per le ricerche sono state impiegate anche le unità cinofile. Massiccia la presenza di volontari: una cinquantina di persone  in tutto, tra uomini del soccorso alpino della Decima delegazione Valdossola, militari del Sagf, vigili del fuoco, agenti della polizia provinciale e squadre Aib. «Finora tutto è purtroppo risultato vano» spiegava ieri sera, dalla stazione di Domodossola del Soccorso alpino civile, Valerio Poggiani. Ieri in giornata è stata anche diramata la foto dell'uomo: chiunque avesse notizie utili alle ricerche è tenuto ad avvisare le forze dell'ordine. Le ricerche riprenderanno stamane all’alba. 

Marco De Ambrosis

Leggi di più sul Corriere di Novara di lunedì 28 settembre 2015

TRONTANO -  Disperso da tre giorni nei boschi dell’Ossola. Da venerdì non si hanno più notizie di un cercatore di funghi di 72 anni, residente a Mede, in provincia di Pavia. Il pensionato tre giorni fa ha raggiunto in auto Trontano per cercare porcini. Non vedendolo rincasare in serata il figlio ha  allertato i soccorsi. Immediatamente è scattato il protocollo di ricerca con i soccorritori che fino alle 3 di notte hanno setacciato con le lampade frontali i pendii e i dirupi della valletta montana compresa tra Verigo e Trontano. I sopralluoghi sono poi ripresi sabato all'alba per essere nuovamente sospesi in serata. Ieri mattina per le ricerche sono state impiegate anche le unità cinofile. Massiccia la presenza di volontari: una cinquantina di persone  in tutto, tra uomini del soccorso alpino della Decima delegazione Valdossola, militari del Sagf, vigili del fuoco, agenti della polizia provinciale e squadre Aib. «Finora tutto è purtroppo risultato vano» spiegava ieri sera, dalla stazione di Domodossola del Soccorso alpino civile, Valerio Poggiani. Ieri in giornata è stata anche diramata la foto dell'uomo: chiunque avesse notizie utili alle ricerche è tenuto ad avvisare le forze dell'ordine. Le ricerche riprenderanno stamane all’alba. 

Marco De Ambrosis

Leggi di più sul Corriere di Novara di lunedì 28 settembre 2015