Cronaca

Chiesti 4 anni per una donna accusata di sfruttamento della prostituzione

Chiesti 4 anni per una donna accusata di sfruttamento della prostituzione
Cronaca 06 Agosto 2015 ore 17:43

NOVARA, 6 AGO - Sentenza il 22 settembre, in Tribunale a Novara, per un processo a carico di una 36enne nigeriana, Mary Ajor, residente in città.

La donna, assistita dall’avvocato Stefano Salvioni, è alla sbarra con le accuse di sfruttamento della prostituzione e sequestro di persona. La 36enne è finita a processo dopo la denuncia di una connazionale di 20 anni, che si era rivolta (era il periodo tra il luglio del 2004 e l’aprile del 2005) a Liberazione e Speranza onlus, l’associazione che, dal 2000, si occupa di seguire e assistere le donne vittima di tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Alle operatrici dell’associazione aveva spiegato la sua situazione e il fatto che fosse costretta a prostituirsi. «Mi costringono a prostituirmi e, se non lo faccio, mi minacciano, mi insultano, mi picchiano».

Nell’ultima udienza, martedì, il pm ha chiesto 4 anni di reclusione e 1.200 euro di multa, il difensore, invece, sostenendo come non ci sia alcuna prova, l’assoluzione o, in subordine, il minimo della pena. Ajor viene reputata la madame della giovane. 

Stando all’accusa l’imputata avrebbe costretto la giovane sulle strade dapprima di Borgo Ticino, nell’Aronese dunque, e poi di Gambolò, in provincia di Pavia. Per far sì che la giovane si prostituisse, la 36enne sarebbe ricorsa anche a minacce di morte e avrebbe minacciato la ragazza di praticarle un rito voodoo, ai danni suoi e di persone a lei vicine, i famigliari rimasti in Nigeria. A convincere la ventenne a rivolgersi alle Forze dell’Ordine, un cliente italiano, ora suo marito.

L’imputata, come emerso, si era rivolta anche lei a Liberazione e Speranza, il tutto, sembrerebbe, per allontanare le indagini dalla sua persona. Gli inquirenti, però, non l’avevano creduta, non concedendole neppure il permesso di soggiorno.

mo.c.

 

NOVARA - Sentenza il 22 settembre, in Tribunale a Novara, per un processo a carico di una 36enne nigeriana, Mary Ajor, residente in città.

La donna, assistita dall’avvocato Stefano Salvioni, è alla sbarra con le accuse di sfruttamento della prostituzione e sequestro di persona. La 36enne è finita a processo dopo la denuncia di una connazionale di 20 anni, che si era rivolta (era il periodo tra il luglio del 2004 e l’aprile del 2005) a Liberazione e Speranza onlus, l’associazione che, dal 2000, si occupa di seguire e assistere le donne vittima di tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Alle operatrici dell’associazione aveva spiegato la sua situazione e il fatto che fosse costretta a prostituirsi. «Mi costringono a prostituirmi e, se non lo faccio, mi minacciano, mi insultano, mi picchiano».

Nell’ultima udienza, martedì, il pm ha chiesto 4 anni di reclusione e 1.200 euro di multa, il difensore, invece, sostenendo come non ci sia alcuna prova, l’assoluzione o, in subordine, il minimo della pena. Ajor viene reputata la madame della giovane. 

Stando all’accusa l’imputata avrebbe costretto la giovane sulle strade dapprima di Borgo Ticino, nell’Aronese dunque, e poi di Gambolò, in provincia di Pavia. Per far sì che la giovane si prostituisse, la 36enne sarebbe ricorsa anche a minacce di morte e avrebbe minacciato la ragazza di praticarle un rito voodoo, ai danni suoi e di persone a lei vicine, i famigliari rimasti in Nigeria. A convincere la ventenne a rivolgersi alle Forze dell’Ordine, un cliente italiano, ora suo marito.

L’imputata, come emerso, si era rivolta anche lei a Liberazione e Speranza, il tutto, sembrerebbe, per allontanare le indagini dalla sua persona. Gli inquirenti, però, non l’avevano creduta, non concedendole neppure il permesso di soggiorno.

mo.c.