Club 61 Frecce Tricolori alla pediatria di Borgomanero

Donati alcuni televisori

Club 61 Frecce Tricolori alla pediatria di Borgomanero
12 Dicembre 2018 ore 11:44

Club 61 Frecce Tricolori di Borgomanero tinge con i colori della solidarietà la Pediatria dell’Ospedale S.S. Trinità di Borgomanero dell’ASL NO, confermando la particolare attenzione e sensibilità nei confronti dei bisogni dell’infanzia.

L’evento

Domenica 9 dicembre sono stati consegnati al Reparto 3 televisori da posizionare nelle camere di degenza e una poltrona letto rivestita a nuovo.

Negli anni,  il Club 61 Frecce Tricolori ha messo in atto numerose iniziative per migliorare il rapporto con i piccoli assistiti e rivalutare così l’immagine delle strutture sanitarie, spesso vissute con paura e disagio, regalando un sorriso a ciascuno dei bimbi che fa l’esperienza delle cure in Ospedale.
Il Club ha donato apparecchiature, poltrone letto per le mamme e giochi per alleviare le sofferenze dei piccoli, rallegra da anni il giorno dell’Epifania con l’arrivo della “Befana” in Pediatria,  (impersonata da Mario Iaria, Presidente onorario) e ha infine contribuito ad affrescare le pareti del reparto con personaggi di fantasia della disney.

Ha messo in atto, inoltre, l’iniziativa “un sogno da realizzare”, chiedendo ai bimbi di lasciare una lettera con l’indicazione di raccontare un loro desiderio che il Club cercherà di concretizzare (ad es. vedere un aereo da vicino, oppure passare una giornata al mare).

Vorremmo che tutti i nostri bimbi potessero essere felici – dichiara Maria Teresa Bertinotti Presidente del Club – durante il periodo di ricovero un piccolo gesto, un dono, il poter riprodurre un ambiente il più possibile accogliente e famigliare può essere un modo per donare serenità.

Il nostro impegno per i piccoli pazienti non si esaurisce mai così come la voglia di fare qualcosa per il nostro ospedale e la Pediatria in particolare, a cui teniamo moltissimo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità