Cronaca
Il decalogo

Codacons "Emergenza truffe a Novara: diffidiamo il comune"

Richiedere i documenti d’identità

Codacons "Emergenza truffe a Novara: diffidiamo il comune"
Cronaca Novara, 14 Giugno 2020 ore 05:10

A Novara viene arrestato per ricettazione il finto tecnico dell'acquedotto che ha derubato molti anziani in tutta la Provincia. A Momo, in provincia di Novara, una donna di 46 anni residente a Novara e già nota alle forze dell’ordine entra in casa di un anziano e lo deruba, fingendosi un’assistente sociale dell’Asl.

LEGGI ANCHE - Cerano tentato di entrare in casa di un anziano: truffatrici fermate

L'allarme del Codacons

“Ancora una volta truffe nel territorio del Novarese: è necessario che il Comune moltiplichi gli sforzi per tutelare il proprio territorio, non si può lasciare sole le Forze dell’Ordine e intervenire solamente quando il reato è ormai stato compiuto - commenta il Presidente del Codacons Marco Donzelli - è fondamentale dare informazioni e creare progetti per informare i cittadini. Il Codacons ha recentemente attivato, per questo motivo, l'attività di servizio telefonico e via e-mail per il progetto antitruffa "Acciuffa la Truffa”.

Decalogo anti-truffa

– Sincerarsi che il controllo sia effettivo: molti pensionati aprono le porte della propria casa senza verificare che effettivamente sia necessario un controllo dell’abitazione. Solitamente è bene fare attenzioni agli avvisi del Condominio, nei quali vengono sempre indicati gli eventuali accertamenti nei singoli appartamenti, con indicazione della data e dell’ora dell’eventuale visita.
– Richiedere i documenti d’identità: è preferibile prima di far entrare qualcuno in casa propria, chiedere alle persone o ai presunti addetti di identificarsi tramite documento d’identità. Se il controllo è effettivo i tecnici non devono avere alcuna ragione di opporsi a tale richiesta.
– Richiedere un tesserino o un documento che attesti che effettivamente lavorano per la società detta: è utile fare richiesta di un documento o un tesserino per verificare se gli addetti siano realmente dipendenti della società con cui si sono presentati.
– Controllare che gli addetti lavorino effettivamente per il proprio fornitore di luce e gas, o che siano dipendenti della propria società idrica: molto spesso infatti si presentano soggetti per fantomatiche società elettriche o idriche al solo scopo di entrare nell’abitazione, dunque sincerarsi che siano veramente addetti alla propria società di fornitura.
– Visionare sempre il lavoro dei tecnici: è importante prestare sempre attenzione alle attività svolte nella propria casa dai tecnici, al fine di verificare che siano effettivamente lì per il motivo indicato, ossia riparare un guasto o fare controlli.
– Non permettere ai tecnici di andare da soli in altre stanze: non bisogna farsi scrupoli nell’impedire agli addetti di andare in altre stanze da soli. Non hanno alcun motivo per fare ciò e se sono in buona fede accetteranno senza problemi di essere seguiti.
– Non lasciare beni di valore in vista: prima di far entrare estranei nella propria abitazione, è importante mettere al sicuro qualsiasi bene sia “a portata di mano”. È sempre meglio mettere tutto in cassetti o in luoghi in cui non sia facile accedere.
– Non farsi mai distrarre: solitamente, se si tratta di una truffa, i sedicenti tecnici si presentano in due o più, questo in modo che uno o più possano distrarre il proprietario dell’abitazione mentre l’altro o gli altri possono porre in essere furti in casa.
– Verificare l’abbigliamento e la presenza di casse degli attrezzi: se gli addetti si presentano per riparare un guasto, o fare un controllo, è importare verificare l’abbigliamento e se portano con sé cassette degli attrezzi o simili, senza i quali difficilmente dei veri tecnici potrebbero lavorare.
– Chiamare aiuto: se non ci si sente sicuri, è bene farsi assistere da qualcuno, che può essere un vicino, un parente, perfino la portineria. È importante non essere da soli in questi casi. E qualora ci si dovesse rendere conto che si tratta di una truffa, è fondamentale chiamare subito il 112.

Codacons presenterà una diffida al Comune di Novara in merito a tale notizia, affinchè non si abbassi la guardia e per tutelare maggiormente i cittadini.
Si ricorda che il servizio telefonico sarà reso dal Codacons ogni giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 a partire da giovedì 11.06.2020.
Viene garantito anche il servizio via e-mail, all’indirizzo acciuffalatruffa.codacons@gmail.com".

Seguici sui nostri canali