Il caso

Codacons su Ztl a Borgomanero: “Comune realizzi una rivoluzione nella viabilità”

Codacons constata come la proposta di istituire una zona a traffico limitato permanente possa essere importante per la tutela dell’ambiente

Codacons su Ztl a Borgomanero: “Comune realizzi una rivoluzione nella viabilità”
Borgomanero, 06 Giugno 2020 ore 06:19

A Borgomanero scoppia la polemica relativamente alla viabilità in centro.

Codacons su Ztl a Borgomanero

“Il gruppo di opposizione, preoccupato per la crisi sanitaria, economica e sociale del Comune, propone di istituire una zona Ztl perenne per favorire la fruizione del centro storico ai cittadini.

Il Comune, nella persona del sindaco Sergio Bossi, respinge in maniera conservatrice tale proposta, sostenendo che andrebbe ad aggravare la crisi del commercio, ritenendo che la maggior parte dei negozi sarebbero contrari a una soluzione di questo genere”.

Ad oggi però Codacons constata come la proposta di istituire una zona a traffico limitato permanente possa essere importante per la tutela dell’ambiente: si potrebbero offrire più ampi spazi esterni per le attività commerciali del centro, si potrebbero rispettare maggiormente le misure di distanziamento sociale e risolvere anche il problema dell’affollamento dei marciapiedi”.

“Necessarie scelte coraggiose”

“Il Comune di Borgomanero deve porre maggiore attenzione alle esigenze dell’ambiente e alla salute dei cittadini – commenta il Presidente del Codacons Marco Maria Donzelli – per evitare ulteriori emergenze sanitarie sarà necessario fare scelte coraggiose su una mobilità sostenibile e su una rivoluzione della viabilità: bisogna tutelare l’ambiente così come l’economia cittadina e questi due interessi non devono essere in contrapposizione.

Alla luce di quanto sopra si diffida il Comune di Borgomanero a realizzare un progetto definitivo e con una data certa per la realizzazione di una zona Ztl permanente in centro città”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità