Cronaca

Commerciante fermato e rapinato in tangenziale

Commerciante fermato e rapinato in tangenziale
Cronaca 19 Novembre 2015 ore 01:40

NOVARA 19 novembre Devono evidentemente averlo “curato” mentre caricava stecche di sigarette ai Monopoli di via Spaventa, per poi, con l’inganno, riuscire a sottrargliele. Nessun assalto stile Far West, infatti, e nessun ferito grave, bensì un trucco in piena tangenziale, andato in scena martedì mattina nel tratto est della tangenziale, direzione casello autostradale. Un commerciante residente nel Milanese aveva appunto appena caricato in auto pacchi di sigarette, per poi imboccare la via del ritorno, come detto la tangenziale. Prima di arrivare alla rotonda del Cim, per puntare alla A4, è stato però urtato da una altra autovettura. In realtà, si scoprirà poi, un finto tamponamento, per indurre l’uomo a fermarsi alla prima piazzola per le pratiche assicurative. Così è stato, solo che gli interlocutori della vittima, almeno due o tre, vestiti normalmente e (almeno apparentemente) non armati, mentre gli mostravano i danni ai veicoli, lo hanno spintonato per poi salire a bordo della sua vettura e dileguarsi, ovviamente anche con l’altra auto. 

p.v.

leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di giovedì 19 novembre

NOVARA - Devono evidentemente averlo “curato” mentre caricava stecche di sigarette ai Monopoli di via Spaventa, per poi, con l’inganno, riuscire a sottrargliele. Nessun assalto stile Far West, infatti, e nessun ferito grave, bensì un trucco in piena tangenziale, andato in scena martedì mattina nel tratto est della tangenziale, direzione casello autostradale. Un commerciante residente nel Milanese aveva appunto appena caricato in auto pacchi di sigarette, per poi imboccare la via del ritorno, come detto la tangenziale. Prima di arrivare alla rotonda del Cim, per puntare alla A4, è stato però urtato da una altra autovettura. In realtà, si scoprirà poi, un finto tamponamento, per indurre l’uomo a fermarsi alla prima piazzola per le pratiche assicurative. Così è stato, solo che gli interlocutori della vittima, almeno due o tre, vestiti normalmente e (almeno apparentemente) non armati, mentre gli mostravano i danni ai veicoli, lo hanno spintonato per poi salire a bordo della sua vettura e dileguarsi, ovviamente anche con l’altra auto. 

p.v.

leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di giovedì 19 novembre