La lettera

Confartigianato: “Riaprire parrucchieri ed estetiste in zona rossa”

“Da sempre lavoriamo in sicurezza".

Confartigianato: “Riaprire parrucchieri ed estetiste in zona rossa”
Cronaca 09 Aprile 2021 ore 07:25

Una lettera ai Prefetti segnala la situazione al limite e i sacrifici di due categorie ormai allo stremo. “Il Governo intervenga prima che sia troppo tardi!”

Acconciatori ed estetiste: è allarme rosso

La denuncia arriva da Confartigianato Imprese Piemonte Orientale. E, mentre la petizione unitaria per chiedere l’apertura di acconciatori ed estetiste, veleggia verso quota 50mila adesioni, preoccupa - e non poco - l’ordinanza regionale che pone il Piemonte in zona rossa sino al 30 aprile.
“Siamo allo stremo” denunciano Gianni Torraco e Giulia Luan, rappresentanti di mestiere di Confartigianato per acconciatori ed estetiste “un altro mese con la prospettiva di tenere chiusi i nostri saloni vuol dire per molti di noi la certezza di non riaprire più”.
“Abbiamo scritto ai prefetti di Novara, Verbano Cusio Ossola e Vercelli per segnalare come il malumore e lo scoramento siano ormai a livelli di guardia “ spiega Amleto Impaloni, direttore di Confartigianato Imprese Piemonte Orientale “A fronte di acconciatori ed estetiste chiuse, abbiamo rilevato assembramenti nelle attività commerciali aperte e tranquille scampagnate per la recente festività pasquali: chi lavora in sicurezza, come gli acconciatori e le estetiste, deve poterlo fare”.

“Da sempre lavoriamo in sicurezza, una soglia di guardia che abbiamo innalzato proprio per prevenire la pandemia, adeguandoci a rigidi protocolli di sicurezza che sono una garanzia per noi, i nostri collaboratori e la clientela: gel ,distanziamenti, dispositivi di protezione, appuntamenti scaglionati … insomma, se c’è un luogo sicuro questo è il laboratorio di un acconciatore o di una estetista” spiegano Luan e Torraco.