Arrestato un minore

Controlli su treni e nelle stazioni: oltre 3400 persone identificate

Controlli su treni e nelle stazioni: oltre 3400 persone identificate
27 Dicembre 2019 ore 11:33

Il bilancio dell’attività settimanale con i controlli su treni e stazioni con gli agenti della Polizia ferroviaria di Piemonte e Valle d’Aosta. Lo riportano i colleghi de ilcanavese.it

Controlli su treni e nelle stazioni

Prosegue senza sosta l’attività degli agenti della Polizia ferroviaria del Compartimento di Piemonte e Valle d’Aosta. Nel corso dell’ultima settimana, infatti, sono stati effettuati 23 servizi lungo le linee e 9 di ordine pubblico per garantire la sicurezza dei viaggiatori all’interno delle stazioni e a bordo dei treni.

Oltre 3400 persone controllate

I numeri riportano i risultati di un’attività imponente messa in campo dalla Polfer. Sono in tutto 3473 le persone controllate, di cui 1030 stranieri, 83 minori e 813 con precedenti di Polizia. Gli agenti hanno arrestato un ragazzo, indagato 11 persone, controllato 43 veicoli. Risultati ottenuti durante le 267 pattuglie in stazione e le 116 a bordo treno. 292, in tutto, i treni “scortati” e 14 i servizi di pattuglia antiborseggio in abiti civili per contrastare i furti a danno dei viaggiatori.

Arrestato un minorenne per rapina

A bordo di un treno Torino – Bardonecchia, personale della Squadra di Polizia giudiziaria ha inoltre proceduto all’arresto di un minore italiano per rapina aggravata ai danni di due viaggiatori.

Pugni contro un dipendente Trenitalia, fermato l’aggressore

Nella stazione di Torino Porta Nuova, gli Agenti Polfer hanno fermato ed indagato per resistenza a Pubblico Ufficiale e false attestazioni sulla propria identità, un ventisettenne della Nuova Guinea che nel cercare di salire a bordo di un treno nella Stazione di Torino Lingotto aveva colpito con un pugno un dipendente Trenitalia prima di scagliarsi fisicamente anche contro i poliziotti intervenuti.

Risultano inoltre indagati in stato di libertà due viaggiatori algerini, irregolari sul territorio nazionale,  responsabili di resistenza a pubblico ufficiale ed interruzione di pubblico servizio. I due viaggiatori, al momento del controllo degli operatori Polfer, ponevano resistenza nei loro confronti, azionando il freno di emergenza. I due sono stati poi accompagnati presso l’Ufficio Immigrazione per la verifica circa la regolarità della loro posizione sul territorio nazionale.