Sarebbero "morosi"

Convitto Carlo Alberto vs gruppo di famiglie: accesso negato alla mensa per alcuni ragazzi

Oggetto del contendere i 60 euro per utenze di acqua e luce chiesti dal Convitto "senza alcun servizio reso", dopo il lockdown.

Convitto Carlo Alberto vs gruppo di famiglie: accesso negato alla mensa per alcuni ragazzi
Novara, 30 Settembre 2020 ore 14:20

Braccio di ferro tra Direzione del Convitto Carlo Alberto e un gruppo di famiglie: interviene Federconsumatori Novara.

Guerra aperta

Da alcune settimane un gruppo di famiglie rivoltesi alla Federconsumatori novarese contesta la decisione assunta dalla Direzione del Convitto Carlo Alberto di negare l’accesso alla mensa scolastica ai genitori che risulterebbero ‘morosi’ per il
mancato versamento della somma di 60 euro per utenze di acqua e luce pretesa dall’Amministrazione del Convitto a seguito del blocco sanitario intervenuto in primavera, che causò la sospensione dei servizi scolastici.

La posizione di Federconsumatori

“La somma pretesa, anche se rateizzabile, – afferma Daniele Testaverde, responsabile novarese di Federconsumatori – non è collegata a nessun servizio reso ed è frutto di una decisione ‘ex post’ assunta senza che vi sia un nesso tra servizio reso e pagamento del medesimo; abbiamo chiesto un incontro al Dirigente scolastico Dottor Fonzo, ma siamo rimasti stupiti nel ricevere una sua comunicazione in cui addirittura non riconosce la nostra rappresentanza dei famigliari che contestano le richieste del Convitto”.

La Federconsumatori ha interessato anche il Sindaco Canelli, nel tentativo di ottenere un incontro in cui confrontare le ragioni dei genitori con le posizioni della Direzione scolastica, evitando che i ragazzi siano privati del servizio di mensa scolastico o di accesso ad altri servizi previsti presso il Convitto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità