La donna a contatto con un collega cinese

Coronavirus a Biella: scatta il piano d’emergenza ma era solo influenza

Coronavirus a Biella: scatta il piano d’emergenza ma era solo influenza
20 Febbraio 2020 ore 10:36

Coronavirus a Biella: scatta il piano d’emergenza ma era solo influenza. Lo raccontano i colleghi de laprovinciadibiella.it

Coronavirus a Biella

Convinta di essere stata contagiata e autodiagnosticatasi la terribile malattia, nella notte tra venerdì e sabato una donna ha chiamato il 118. Ora se è vero che l’autodiagnosi non è una prova scientifica, il personale del servizio d’emergenza non può correre alcun rischio, neanche minimo, e quindi davanti a una situazione di potenziale pericolo, ancorchè improbabile, è scattato il protocollo previsto in questi casi.

Così all’abitazione della donna residente in città, il personale si è presentato protetto da tute, maschere, guanti, sovrascarpe, insomma tutto il necessario per operare nella massima sicurezza. Massima attenzione, ovviamente, anche al pronto soccorso dell’ospedale cittadino dove la paziente è stata accolta per essere immediatamente posta in isolamento in attesa dei controlli di rito. Controlli che hanno certificato che, senza dubbi di sorta, del coronavirus non vi era la benchè minima traccia, molto più semplicemente la “contagiata” era afflitta dalla normale influenza stagionale, tutta di nazionalità italiana.

I contatti con un collega cinese

Sembra che la donna avesse maturato l’idea del coronavirus in quanto giornalmente a contatto, per questioni strettamente lavorative, con un uomo di nazionalità cinese. E a nulla erano valse le continue rassicurazioni del collega sul fatto che il suo ultimo viaggio in Cina era di gran lunga precedente al manifestarsi dell’epidemia.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità