L'analisi dell'assessore Icardi

Coronavirus la classe d’età più colpita è fra i 40 e i 70 anni

Tra gli ultra70enni si registra il maggior numero di decessi

Coronavirus la classe d’età più colpita è fra i 40 e i 70 anni
01 Aprile 2020 ore 07:01

In Consiglio regionale tenutosi ieri, martedì 31 marzo 2020, è intervenuto l’assessore alla Sanità, Luigi Icardi, dichiarando che “la sanità è la seconda linea, la prima sono i comportamenti delle persone. Se ci sono falle, rischiamo di essere travolti”.

Coronavirus: chi è più colpito?

Luigi Icardi ha fornito alcuni dati in merito all’epidemia: la classe di persone più colpita è quella dai 40 ai 70 anni, mentre tra gli ultra70enni si registra il maggior numero di decessi; i primi 500 decessi sono stati tutti di persone pluripatologiche tranne 28, e solo 9 erano in buono stato salute, e quindi il Covid è concausa e non causa della morte.

La “lezione” del virus alla Regione

Il presidente Cirio ha affermato che “da questa emergenza abbiamo imparato quanto sia importante la medicina di territorio e abbiamo appreso lezioni sui tagli: sono risorse che vengono a mancare, e te ne rendi conto solo nell’emergenza. Eravamo la penultima Regione italiana per posti in terapia intensiva in rapporto al numero di abitanti, oggi siamo la seconda. Il sistema sanitario piemontese si sta ingegnando, ogni sala operatoria che si chiude con grande sacrificio si traduce in due, tre o quattro posti letto in terapia intensiva. Nella gravità il sistema ha risposto, perché con persone di valore abbiamo una sanità di valore”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei