Menu
Cerca
Svolta

Corte Costituzionale: sentenza storica sulla caccia al cinghiale

Coldiretti: "Via libera alla possibilità di fermare l’invasione di cinghiali, responsabile di gravi danni alle persone, alle imprese agricole e al territorio".

Corte Costituzionale: sentenza storica sulla caccia al cinghiale
Cronaca 26 Febbraio 2021 ore 07:50

Corte Costituzionale: sentenza storica sulla caccia al cinghiale.
Lo riportano i colleghi di notiziaoggi.it

Corte Costituzionale e caccia al cinghiale

È una svolta importante quella arrivata sul fronte cinghiali secondo Coldiretti: la Corte Costituzionale con una storica sentenza permette di prendere parte alle operazioni di riduzione del numero degli animali selvatici anche ad agricoltori provvisti di tesserino di caccia, altri cacciatori abilitati, guardie venatorie e ambientali volontarie, a patto che siano appositamente formati.

 

“Un cambio di direzione importante – rimarca Coldiretti – rispetto all’orientamento seguito negli ultimi quindici anni che aveva portato a bocciare i provvedimenti assunti dalle varie Regioni che avevano aperto alla possibilità di ampliare l’elenco tassativo dei soggetti incaricati agli interventi di contenimento previsto dalla legge quadro. La nuova sentenza dà il via libera all’abbattimento dei cinghiali che, con l’emergenza Covid, si sono moltiplicati in Italia raggiungendo i 2 milioni di esemplari, mettendo a rischio la sicurezza delle persone, causando incidenti stradali con morti e feriti, devastando i raccolti e danneggiando gli allevamenti, essendo pericolosi diffusori di malattie come la peste suina africana”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli