Cronaca

"Così abbiamo inseguito e bloccato lo scippatore poi arrestato alla Polizia"

"Così abbiamo inseguito e bloccato lo scippatore poi arrestato alla Polizia"
Cronaca 18 Febbraio 2016 ore 08:30

NOVARA - «Saranno state le 15.30, avevamo appena terminato il nostro servizio di trasporto valori e stavamo percorrendo viale Giulio Cesare per raggiungere il posto di guardia e riconsegnare la vettura di servizio. A un certo punto abbiamo notato sul marciapiede una anziana donna riversa a terra e sopra di lei un giovane… ci siamo subito resi conto che era in corso una aggressione: il giovane le ha strappato la borsetta e si è dato alla fuga. Ci siamo accertati che alcune persone sul posto prestassero i primi soccorsi alla vittima, e poi, invertendo il nostro senso di marcia, ci siamo lanciati all’inseguimento del fuggitivo. Lui, vistosi braccato, ha gettato la borsa a terra. Noi, senza perderlo di vista, l’abbiamo recuperata e abbiamo continuato a stargli dietro, per riuscire infine a raggiungerlo in viale Roma e a bloccarlo. Nel frattempo sono arrivate le Volanti, già allertate, e lo hanno arrestato». E’ il racconto di  W.S. e G.R., due guardie giurate della “Vedetta 2 Mondialpol” prontamente intervenute martedì pomeriggio nell’ennesimo scippo (con tanto di vittima ferita) in città, sfociato però questa volta nell’arresto del malvivente. E questo grazie alla sinergia e alla collaborazione peraltro tanto auspicata, ovviamente nel rispetto dei ruoli, fra cittadini e Forze dell’ordine: qualcuno ha subito telefonato al 113, i vigilantes non hanno mollato lo scippatore e le Volanti sono prontamente intervenute, il tutto praticamente in tempo reale.

Nel mirino come detto un’anziana donna, ottantenne, con anche difficoltà deambulatorie, aggredita mentre passeggiava lungo viale Giulio Cesare. In manette è finito B.I., 29enne di origini brasiliane, da tempo residente a Novara e già ben noto: è accusato di rapina aggravata.  E’ in carcere, a disposizione della magistratura.

Paolo Viviani

leggi i servizi sul Corriere di Novara di giovedì 18 febbraio

NOVARA - «Saranno state le 15.30, avevamo appena terminato il nostro servizio di trasporto valori e stavamo percorrendo viale Giulio Cesare per raggiungere il posto di guardia e riconsegnare la vettura di servizio. A un certo punto abbiamo notato sul marciapiede una anziana donna riversa a terra e sopra di lei un giovane… ci siamo subito resi conto che era in corso una aggressione: il giovane le ha strappato la borsetta e si è dato alla fuga. Ci siamo accertati che alcune persone sul posto prestassero i primi soccorsi alla vittima, e poi, invertendo il nostro senso di marcia, ci siamo lanciati all’inseguimento del fuggitivo. Lui, vistosi braccato, ha gettato la borsa a terra. Noi, senza perderlo di vista, l’abbiamo recuperata e abbiamo continuato a stargli dietro, per riuscire infine a raggiungerlo in viale Roma e a bloccarlo. Nel frattempo sono arrivate le Volanti, già allertate, e lo hanno arrestato». E’ il racconto di  W.S. e G.R., due guardie giurate della “Vedetta 2 Mondialpol” prontamente intervenute martedì pomeriggio nell’ennesimo scippo (con tanto di vittima ferita) in città, sfociato però questa volta nell’arresto del malvivente. E questo grazie alla sinergia e alla collaborazione peraltro tanto auspicata, ovviamente nel rispetto dei ruoli, fra cittadini e Forze dell’ordine: qualcuno ha subito telefonato al 113, i vigilantes non hanno mollato lo scippatore e le Volanti sono prontamente intervenute, il tutto praticamente in tempo reale.

Nel mirino come detto un’anziana donna, ottantenne, con anche difficoltà deambulatorie, aggredita mentre passeggiava lungo viale Giulio Cesare. In manette è finito B.I., 29enne di origini brasiliane, da tempo residente a Novara e già ben noto: è accusato di rapina aggravata.  E’ in carcere, a disposizione della magistratura.

Paolo Viviani

leggi i servizi sul Corriere di Novara di giovedì 18 febbraio

Seguici sui nostri canali