Cronaca

Daspo di 5 anni a un 19enne vercellese, tifoso del Novara

Daspo di 5 anni a un 19enne vercellese, tifoso del Novara
Cronaca 04 Marzo 2016 ore 19:31

NOVARA - L’episodio è accaduto in occasione del derby Novara–Pro Vercelli di sabato scorso 26 febbraio, quando all’inizio dell’incontro è stato esploso un petardo nelle gradinate più basse della curva dei tifosi novaresi.

Le immediate ricerche hanno permesso di giungere all’identificazione dell’autore del reato, ossia del giovane che ha acceso e successivamente lanciato il petardo verso la parte bassa del settore. Si tratta di P.N., diciannovenne, originario del Vercellese e domiciliato a Vercelli, con diversi precedenti per danneggiamento, ma che tifa Novara e, sabato scorso, era proprio tra le fila della curva Nord dello stadio Silvio Piola.

Approfittando della circostanza che la tifoseria azzurra stava esponendo una coreografia unita a uno striscione (entrambi regolarmente autorizzati), P.N., tentando di nascondersi dietro lo striscione, ha acceso e fatto esplodere un grosso petardo, che, esplodendo, ha provocato una serie di lesioni a due ignari spettatori, che sono stati costretti a ricorrere alle cure mediche  del personale sanitario.

Nei confronti del responsabile, il Questore di Novara ha emesso il provvedimento di Divieto di accedere a manifestazioni sportive (Daspo), in conseguenza del quale al giovane è vietato l’accesso a tutti i luoghi, sia del territorio nazionale che degli altri Stati membri dell’Unione Europea, dove si svolgono manifestazioni sportive nazionali e internazionali, relative a campionati, coppe e tornei professionistici, semiprofessionistici, dilettantistici, amatoriali e amichevoli, in occasione del loro svolgimento, compresi anche i tempi di afflusso e deflusso dall’impianto sportivo. Per lui accesso vietato anche ai luoghi interessati alla sosta, al transito o al trasporto di coloro che partecipano o assistono alle medesime competizioni, per il periodo di 5 anni. Il giovane è stato anche denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni aggravate. 

mo.c.


NOVARA - L’episodio è accaduto in occasione del derby Novara–Pro Vercelli di sabato scorso 26 febbraio, quando all’inizio dell’incontro è stato esploso un petardo nelle gradinate più basse della curva dei tifosi novaresi.

Le immediate ricerche hanno permesso di giungere all’identificazione dell’autore del reato, ossia del giovane che ha acceso e successivamente lanciato il petardo verso la parte bassa del settore. Si tratta di P.N., diciannovenne, originario del Vercellese e domiciliato a Vercelli, con diversi precedenti per danneggiamento, ma che tifa Novara e, sabato scorso, era proprio tra le fila della curva Nord dello stadio Silvio Piola.

Approfittando della circostanza che la tifoseria azzurra stava esponendo una coreografia unita a uno striscione (entrambi regolarmente autorizzati), P.N., tentando di nascondersi dietro lo striscione, ha acceso e fatto esplodere un grosso petardo, che, esplodendo, ha provocato una serie di lesioni a due ignari spettatori, che sono stati costretti a ricorrere alle cure mediche  del personale sanitario.

Nei confronti del responsabile, il Questore di Novara ha emesso il provvedimento di Divieto di accedere a manifestazioni sportive (Daspo), in conseguenza del quale al giovane è vietato l’accesso a tutti i luoghi, sia del territorio nazionale che degli altri Stati membri dell’Unione Europea, dove si svolgono manifestazioni sportive nazionali e internazionali, relative a campionati, coppe e tornei professionistici, semiprofessionistici, dilettantistici, amatoriali e amichevoli, in occasione del loro svolgimento, compresi anche i tempi di afflusso e deflusso dall’impianto sportivo. Per lui accesso vietato anche ai luoghi interessati alla sosta, al transito o al trasporto di coloro che partecipano o assistono alle medesime competizioni, per il periodo di 5 anni. Il giovane è stato anche denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni aggravate. 

mo.c.


Seguici sui nostri canali