Cronaca

Delitto di Ghemme, a chiamare i Carabinieri, l'omicida

Delitto di Ghemme, a chiamare i Carabinieri, l'omicida
Cronaca 07 Ottobre 2016 ore 16:08

GHEMME, E' stato lui a chiamare i Carabinieri, dopo aver accoltellato questa notte la compagna di 35 anni, a Ghemme, nel Novarese, in una dependance di un centro ippico (all'Equi2000), dove i due convivevano. Il tutto, a quanto ricostruito finora, al culmine di una lite. "Venite qui, venite a prendermi. Ho fatto del male alla mia compagna", ha riferito al telefono. La chiamata ai Carabinieri intorno all'1,30 di questa notte. L'uomo, un 32enne rumeno, custode nel maneggio, si è poi fatto trovare dai militari in ginocchio, con le mani alzate, ancora sporche di sangue.Vittima, come anticipato, la compagna 35enne, ucraina. Terribile la scena che si è presentata ai carabinieri, con la donna a terra in una pozza di sangue. Una coltellata che l'ha quasi decapitata. Sul posto i carabinieri con anche il personale dei rilievi scientifici. Coordinati dal pm Ciro Caramore, i militari stanno indagando sulle motivazioni del gesto. Dagli inquirenti il massimo riserbo sulle generalità di vittima e omicida.mo.c.Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola sabato 8 ottobre

GHEMME, E' stato lui a chiamare i Carabinieri, dopo aver accoltellato questa notte la compagna di 35 anni, a Ghemme, nel Novarese, in una dependance di un centro ippico (all'Equi2000), dove i due convivevano. Il tutto, a quanto ricostruito finora, al culmine di una lite. "Venite qui, venite a prendermi. Ho fatto del male alla mia compagna", ha riferito al telefono. La chiamata ai Carabinieri intorno all'1,30 di questa notte. L'uomo, un 32enne rumeno, custode nel maneggio, si è poi fatto trovare dai militari in ginocchio, con le mani alzate, ancora sporche di sangue.Vittima, come anticipato, la compagna 35enne, ucraina. Terribile la scena che si è presentata ai carabinieri, con la donna a terra in una pozza di sangue. Una coltellata che l'ha quasi decapitata. Sul posto i carabinieri con anche il personale dei rilievi scientifici. Coordinati dal pm Ciro Caramore, i militari stanno indagando sulle motivazioni del gesto. Dagli inquirenti il massimo riserbo sulle generalità di vittima e omicida.mo.c.Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola sabato 8 ottobre

Seguici sui nostri canali