Cronaca

Delitto Melchionda, “saltata” in Cassazione la resa dei conti per Ilaria

Delitto Melchionda, “saltata” in Cassazione la resa dei conti per Ilaria
Cronaca 11 Marzo 2016 ore 11:57

11 MARZO C’era grande attesa questa mattina per l’appuntamento a Roma in Cassazione, con i giudici della Suprema Corte chiamati a confermare o meno la condanna a 30 anni di Ilaria Mortarini, accusata di essere l’istigatrice e la mandante, per gelosia, dell’omicidio di Simona Melchionda, uccisa nella notte fra il 6 e 7 giugno 2010 a Divignano da Luca Sainaghi, a sua volta già condannato in via definitiva (in un distinto processo) a 30 anni. Tutto è però saltato, perché la Corte si è accorta che uno dei giudici aveva già appunto giudicato Sainaghi. Ovvero, dunque, una sorta di incompatibilità. Tutto rinviato, a questo punto, davanti a una diversa sezione della Cassazione, in data da fissare. 
Questa mattina a Roma c’erano i due difensori della Mortarini, avvocati Panzeri e Riva, e Leonardo e Roberto Melchionda, padre e fratello di Simona, parti civili con l’avvocato Tovaglieri.  

 

p.v

11 MARZO C’era grande attesa questa mattina per l’appuntamento a Roma in Cassazione, con i giudici della Suprema Corte chiamati a confermare o meno la condanna a 30 anni di Ilaria Mortarini, accusata di essere l’istigatrice e la mandante, per gelosia, dell’omicidio di Simona Melchionda, uccisa nella notte fra il 6 e 7 giugno 2010 a Divignano da Luca Sainaghi, a sua volta già condannato in via definitiva (in un distinto processo) a 30 anni. Tutto è però saltato, perché la Corte si è accorta che uno dei giudici aveva già appunto giudicato Sainaghi. Ovvero, dunque, una sorta di incompatibilità. Tutto rinviato, a questo punto, davanti a una diversa sezione della Cassazione, in data da fissare. 
Questa mattina a Roma c’erano i due difensori della Mortarini, avvocati Panzeri e Riva, e Leonardo e Roberto Melchionda, padre e fratello di Simona, parti civili con l’avvocato Tovaglieri. 

p.v

 

Seguici sui nostri canali