Cronaca
Fallimento

Dentix Novara, prosegue l’impegno di Federconsumatori: 120 assistiti

"Grazie al nostro intervento si sta lavorando sulla sospensione dei pagamenti e sulla possibilità di terminare le cure odontoiatriche presso altri studi dentistici".

Dentix Novara, prosegue l’impegno di Federconsumatori: 120 assistiti
Cronaca Novara, 05 Luglio 2020 ore 05:11

Dentix Novara, prosegue l’impegno di Federconsumatori: 120 assistiti e primi risultati con le Società Finanziarie.

Dentix Novara

"Dalla chiusura delle sedi della multinazionale spagnola Dentix a Novara abbiamo fornito assistenza a circa 120 persone, vittime in molti casi - spiega Daniele Testaverde, responsabile novarese Federconsumatori- di lavori odontoiatrici rimasti a metà o provvisori ed esposti con le società di finanziamento per le cure previste; grazie all’impegno dei nostri Legali abbiamo appurato che Dentix non ha chiesto fallimento ma solo la procedura di concordato preventivo il che significa tempi lunghi e risultati incerti. Ma abbiamo affrontato anche il fronte delle Società di finanziamento, in particolare Cofidis e Fiditalia: grazie al nostro intervento si sta lavorando sulla sospensione dei pagamenti e sulla possibilità di terminare le cure odontoiatriche presso altri studi dentistici, o in convenzione con le finanziarie, riavviando cosi solo in un secondo tempo i finanziamenti rimasti aperti, oppure chiudendo il finanziamento e liberando il cliente da ogni rapporto con la finanziaria. Alcune finanziarie sembrano disponibili ad accettare di quantificare il saldo rimanente, evitando ulteriori perizie a carico dei pazienti.

LEGGI ANCHE - Dentix chiede concordato preventivo per poter riaprire le cliniche

Infine tramite la nostra sede regionale abbiamo avuto positive verifiche con l’Associazione regionale dei Dentisti per trovare soluzioni di miglior favore per quanti necessitano di proseguire o ultimare le cure rimaste in sospeso presso Dentix assicurando serietà e qualità del servizio.
Inutile nascondersi – conclude Testaverde - però che gli animi dei pazienti sono esasperati e molti di costoro, privi della necessaria documentazione utile al proseguimento delle cure, minacciano di rivolgesi all’Autorità di Pubblica Sicurezza al fine di ottenere lo sblocco di queste assurde situazioni".

Seguici sui nostri canali