Guasto in stazione

Disagi sui treni alla Vigilia: 70 soppressioni comunicate da Trenord

L'emergenza di ieri è rientrata verso le 12.15

Disagi sui treni alla Vigilia: 70 soppressioni comunicate da Trenord
25 Dicembre 2019 ore 07:00

Disagi sui treni: ecco il bilancio dell’emergenza verificatasi ieri in stazione a Milano Porta Garibaldi a causa del guasto alla linea elettrica di superficie.

Disagi sui treni alla Vigilia di Natale

E’ il bilancio di una vera e propria emergenza quello che è stato comunicato ieri da Trenord a causa di un guasto alla linea elettrica di Rfi alla stazione Porta Garibaldi di Milano. L’allarme allo scalo meneghino è rientrato verso le 12.15, quando gradualmente è ripresa la circolazione dei treni. Il problema è stato provocato da una mancanza di tensione alla linea elettrica di proprietà di Rfi che ha causato la sospensione della circolazione dell’intera stazione di superficie dalle 5.30.

Il bilancio del guasto

“La vastità del guasto – scrivono da Trenord – e i tempi di ripristino hanno causato disagi significativi ai passeggeri Trenord: degli 800 treni circolati fino al termine dell’intervento dei tecnici del gestore dell’infrastruttura, oltre 200 hanno viaggiato in ritardo – 21 con oltre 60 minuti – 70 corse sono state soppresse totalmente e 83 parzialmente. Per le ripercussioni del guasto saranno possibili ulteriori disagi anche nel pomeriggio sulle linee interessate”.

Le misure messe in atto per limitare il disagio

Trenord ha provveduto a riorganizzare l’offerta commerciale sulle linee interessate dal guasto – proseguono dall’azienda – disponendo fermate straordinarie a Milano Greco Pirelli e Sesto San Giovanni per le corse dirette a Milano Centrale. I provvedimenti sono stati comunicati in tempo reale sul sito trenord.it e sull’App Trenord; è stata potenziata l’assistenza ai viaggiatori nelle stazioni di Milano Porta Garibaldi e Milano Centrale. Per spostarsi attraverso la città di Milano i viaggiatori hanno utilizzato il Passante ferroviario, regolarmente funzionante. Non sono state coinvolte le linee che raggiungono la stazione di Milano Cadorna”.