Cordoglio

Dormelletto in lutto per la Maestra Adalgisa

Un'insegnante di una volta, severa al punto giusto, credente e generosa

Dormelletto in lutto per la Maestra Adalgisa
Cronaca Arona, 30 Gennaio 2021 ore 07:00

Dormelletto in lutto per la maestra Adalgisa Pirola. Ultimamente viveva ad Arona, ma nella vicina Dormelletto il suo è sempre stato un nome impossibile da dimenticare.

Dormelletto piange la sua Maestra

Una maestra “di una volta”, una persona rigorosa al punto giusto, ma incredibilmente volenterosa e generosa. E’ così che tutti gli ex alunni ricordano la figura di Adalgisa Pirola, per tutti semplicemente “la Maestra Adalgisa”. La donna, 88 anni, è scomparsa lo scorso fine settimana ad Arona, dove viveva da tempo vicino alla cognata Renata Prino. Ma nonostante avesse insegnato un po’ in tutti i paesi del circondario, è a Dormelletto che la storica docente era maggiormente conosciuta.

Il cordoglio degli ex allievi

La notizia della sua morte, affidata a un post sui social network, ha rapidamente fatto il giro dell’Aronese e ha raccolto una corale manifestazione di cordoglio da parte di tutti i suoi ex alunni e conoscenti. “Mi dispiace molto – scrive un cittadino su Facebook – è stata una maestra molto brava e lascia un ricordo indelebile ai suoi ex allievi, ai loro genitori e a quanti l’hanno conosciuta e apprezzata. Condoglianze alla famiglia”. “Ricordo quando Adalgisa veniva in negozio da mia sorella a fare la spesa: sempre gentile e allegra”, aggiunge una seconda persona. “Condoglianze. È stata una maestra meravigliosa. Ho dei ricordi bellissimi”, scrive infine una ex allieva.

Le origini dormellettesi e la lunga carriera

Originaria di una famiglia dormellettese doc, Adalgisa Pirola era nata in una storica cascina del paese e ha vissuto a lungo nella zona del “Pirolino”. Come insegnante ha lavorato a Montecrestese, Castelletto Ticino, Dormelletto e in altre scuole elementari della zona. “Era una persona molto dolce e gentile – ricorda con commozione la cognata Renata – sempre pronta ad aiutare il prossimo. Ha dedicato la sua vita all’insegnamento ed era molto religiosa. Ha curato anche il catechismo all’asilo Tre Ponti di Arona”. “Il dolore della scomparsa – ha scritto su Facebook Anna Serena Pirola, parente della maestra – con quello, di tutti noi oggi, di non poterti accompagnare anche fisicamente nell’ultimo viaggio, nella gratitudine per i legami di bene e bellezza che hanno tessuto a distanza la nostra vita, ti affretti l’arrivo nella pace del Signore che hai cercato e servito in tutti i tuoi giorni”.

Il ricordo della collega e amica

Il ricordo della Maestra Adalgisa è positivo soprattutto tra chi ha avuto modo di conoscerla in ambito lavorativo. “Io e Adalgisa – dice l’ex collega Maria Grazia Cangini – ci siamo conosciute nel 1981, quando mi sono trasferita dalla scuola di Castelletto a quella di Dormelletto. Abbiamo lavorato fianco a fianco per lunghissimo tempo, su quelle che al tempo si definivano “classi parallele”. Ma anche al di là del lavoro, siamo rimaste in contatto anche dopo la pensione e ci frequentavamo nella vita privata. Di lei mi ha sempre colpito la capacità di lavorare mettendo da parte ogni possibile segno di negatività. Non criticava mai nessuno, sapeva rincuorare le persone che aveva accanto in ogni occasione ed era in grado di evidenziare le soluzioni a qualsiasi problema, semplicemente parlando con chi ne aveva bisogno. E poi Adalgisa aveva una grandissima fede. Un sentimento reale, profondo, non di facciata, che la portava a impegnarsi concretamente per il prossimo, senza mai sbandierarlo ai quattro venti. Ricordo quando a scuola organizzavamo l’invio di pacchi per le comunità più povere dell’Africa, e della gioia che ci pervadeva quando dal Continente Nero tornavano i messaggi di ringraziamento per ciò che avevano ricevuto. Adalgisa ha aiutato moltissime persone nel corso della sua vita, è stata al fianco degli ammalati e di chi soffriva. Sempre in silenzio, senza vantarsi di ciò che faceva, accontentandosi di poter avere la possibilità di mostrare all’esterno quella ricchezza interiore che aveva dentro”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli