Due condanne per il furto a bordo di un’auto in via Bescapè

Due condanne per il furto a bordo di un’auto in via Bescapè
Cronaca 03 Giugno 2015 ore 16:23

NOVARA – Si è conclusa questa mattina, mercoledì 3 giugno, in Tribunale a Novara, la direttissima nei confronti dei due fermati, nel pomeriggio di venerdì scorso, dopo aver effettuato, come anticipato in un nostro precedente articolo, un furto a bordo di un’autovettura in pieno centro città. A finire in manette, fermati da Polizia e Carabinieri, erano stati un italiano di 18 anni e un marocchino di 20. 

I due avevano sottratto merce da un veicolo posteggiato in via Bescapè, erano stati poi fermati qualche centinaio di metri dopo. Avevano con sé un borsone, proprio appena preso dall’auto. 

L’italiano ha patteggiato 1 anno e due mesi e 200 euro di multa per furto aggravato, il marocchino 2 anni e 2 mesi e 400 euro di multa per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Quest’ultimo, tra l’altro, avrà un altro processo a breve. Ha, infatti, effettuato un altro furto, o quantomeno ci ha provato, appena uscito dal Tribunale, sabato scorso, quando era iniziata la direttissima ed era stato convalidato l’arresto. Ha cercato di sottrarre una t-shirt da un negozio del centro. 

mo.c.


NOVARA – Si è conclusa questa mattina, mercoledì 3 giugno, in Tribunale a Novara, la direttissima nei confronti dei due fermati, nel pomeriggio di venerdì scorso, dopo aver effettuato, come anticipato in un nostro precedente articolo, un furto a bordo di un’autovettura in pieno centro città. A finire in manette, fermati da Polizia e Carabinieri, erano stati un italiano di 18 anni e un marocchino di 20. 

I due avevano sottratto merce da un veicolo posteggiato in via Bescapè, erano stati poi fermati qualche centinaio di metri dopo. Avevano con sé un borsone, proprio appena preso dall’auto. 

L’italiano ha patteggiato 1 anno e due mesi e 200 euro di multa per furto aggravato, il marocchino 2 anni e 2 mesi e 400 euro di multa per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Quest’ultimo, tra l’altro, avrà un altro processo a breve. Ha, infatti, effettuato un altro furto, o quantomeno ci ha provato, appena uscito dal Tribunale, sabato scorso, quando era iniziata la direttissima ed era stato convalidato l’arresto. Ha cercato di sottrarre una t-shirt da un negozio del centro. 

mo.c.