Due giovani novaresi individuati come i presunti imbrattatori delle pareti delle Poste centrali

Due giovani novaresi individuati come i presunti imbrattatori delle pareti delle Poste centrali
Cronaca 30 Giugno 2015 ore 21:24

NOVARA – La Polizia locale di Novara, con gli agenti del Nucleo operativo, esaminando una serie di filmati delle telecamere collocate nella zona, è riuscita a individuare i presunti autori delle scritte apparse negli scorsi giorni sulla facciata delle Poste Italiane di largo Costituente.

Le scritte, ‘Lisca’ e ‘Nekos’, sarebbero state apposte sulle pareti con delle bombolette di vernice da due giovani, entrambi novaresi, ora indagati. Uno, come riferisce anche il sindaco Andrea Ballarè, sulla sua bacheca ufficiale di Facebook, è uno studente, un altro un ragazzo in attesa di occupazione. Entrambi provengono da famiglie della Novara Bene, famiglie agiate e senza particolari problemi. Tutti e due, maggiorenni, classe 1993 e 1994, pare abbiano precedenti per imbrattamento.
Soddisfatto il primo cittadino, “per l’ottimo lavoro svolto dalla Polizia locale”.

mo.c.

NOVARA – La Polizia locale di Novara, con gli agenti del Nucleo operativo, esaminando una serie di filmati delle telecamere collocate nella zona, è riuscita a individuare i presunti autori delle scritte apparse negli scorsi giorni sulla facciata delle Poste Italiane di largo Costituente.

Le scritte, ‘Lisca’ e ‘Nekos’, sarebbero state apposte sulle pareti con delle bombolette di vernice da due giovani, entrambi novaresi, ora indagati. Uno, come riferisce anche il sindaco Andrea Ballarè, sulla sua bacheca ufficiale di Facebook, è uno studente, un altro un ragazzo in attesa di occupazione. Entrambi provengono da famiglie della Novara Bene, famiglie agiate e senza particolari problemi. Tutti e due, maggiorenni, classe 1993 e 1994, pare abbiano precedenti per imbrattamento.
Soddisfatto il primo cittadino, “per l’ottimo lavoro svolto dalla Polizia locale”.

mo.c.