Tecnici al lavoro

E-distribuzione porta in salvo due cicogne a Momo

A lavoro concluso, la cicogna è ritornata nel nuovo nido.

E-distribuzione porta in salvo due cicogne a Momo
Basso Novarese, 10 Giugno 2020 ore 08:07

Il salvataggio si è svolto senza interruzioni di corrente, grazie ai tecnici del reparto Lavori Sotto Tensione.

Il salvataggio

La squadra di E-distribuzione specializzata per i lavori sotto tensione ha messo in salvo un nido di cicogne situato su un palo di media tensione a Momo, nel Novarese.

I tecnici del reparto LST (Lavori Sotto Tensione), a seguito della segnalazione da parte della Onlus LIPU (Lega  Italiana Protezione Uccelli) sono tempestivamente intervenuti per portare in sicurezza un nido che ospitava due cicogne e le loro quattro uova: il nido era deformato e rischiava di entrare in contatto con parti in tensione provocando scariche elettriche sugli uccelli, che sarebbero state fatali.

Due ore di intervento

L’intervento è durato circa due ore e ha visto impiegati quattro tecnici specializzati che, operando con tutti i dispositivi di sicurezza e con strumenti all’avanguardia, come ad esempio della aste isolate, sono entrati in azione in prossimità di parti in tensione (15 KV) portando in salvo la piccola struttura. I tecnici hanno ridotto le sporgenze del nido, evitando così il contatto dei volatili con cavi in tensione, ma anche escludendo il rischio di futuri disservizi elettrici per la zona.

A lavoro concluso, la cicogna è ritornata nel nuovo nido.

“E’ stato un intervento “invisibile” agli occhi degli utenti che non hanno subito nessuna interruzione di corrente – commenta Enrico Bottone, responsabile dell’Area Nord Ovest di E-distribuzione – ma che indica la nostra costante vicinanza con le tematiche ambientali. I nostri tecnici sono intervenuti in totale sicurezza, il reparto è all’avanguardia ed è sempre in continuo addestramento per l’esecuzione di lavori senza disalimentazioni”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità